|

Le prossime poltrone dei 350 boiardi di Stato

Un gran numero di nomine, tutte da fare durante il governo Renzi. E’ una situazione eccezionale, quella che si verificherà nei prossimi mesi in cui andranno a scadenza CdA e manager:

 

Di sicuro scorrendo la lunga lista dei nomi in scadenza si può valutare la dimensione della partita che Renzi ha di fronte. Nel consiglio dell’Eni c’è per esempio Mario Resca, uno dei manager più apprezzati da Berlusconi, che l’ha voluto nel consiglio della Mondadori e alla direzione generale dei Beni culturali. Fra le varie società in attesa di rinnovo c’è poi la Consap, presieduta dall’ex Ragioniere generale dello Stato Andrea Monorchio e amministrata dall’ex direttore generale della Rai Mauro Masi. Alla Finmeccanica scadono tutti, anche il presidente nominato lo scorso anno dal governo Letta, che risponde al nome di Gianni De Gennaro, ex capo della polizia ed ex sottosegretario di Monti.

E poi ci sono agenzie di stato e simili:

Scade anche il consiglio di Italia Lavoro, dove troviamo Maria Lucia Galdieri: assessore al Lavoro e alla Pace, in carica (!), alla Provincia di Napoli governata dal centrodestra. E poi una piccola società dell’Eni, la Servizi fondo bombole metano, che ha riservato una poltroncina, udite udite, per Pasqualino De Vita, 84 anni suonati, ex capo dell’Agip e poi per tre lustri monarca dei petrolieri. Quindi Fs sistemi urbani, presieduta dal presidente delle Ferrovie Lamberto Cardia confermato nell’incarico giusto un anno fa, ex numero uno della Consob, ottant’anni il prossimo maggio. E Centostazioni, al cui vertice siede l’ex braccio destro di Biagio Agnes, Paolo Torresani. E la società Ricerca sul sistema energetico, con l’ex tesoriere di Forza Italia alla Camera, Alberto Di Luca.

E la Banca del Mezzogiorno, con il segretario generale della Fondazione Italianieuropei Andrea Peruzy.

E la compagnia aerea delle Poste Mistral Air, con l’ex senatore Andrea Corrado, leghista al pari del presidente di Posteshop, Mario Cavallin. E Difesa Servizi, società creata dall’ex ministro della Difesa Ignazio La Russa, nella quale trovano posto il suo ex consigliere Giovanni Bozzetti e il segretario generale della Fondazione Alleanza nazionale, Antonio Giordano. Per non parlare dell’Istituto sviluppo agroalimentare, società del ministero dell’Agricoltura amministrata da Annalisa Vessella, consigliere regionale in carica (!) della Campania e consorte dell’ex onorevole Responsabile Michele Pisacane….