|

Katy Perry “eccita” musulmani e complottisti

 Il nuovo video di Katy Perry, Dark Horse, sta godendo di furiose polemiche perché offenderebbe l’Islam, ma anche l’accusa di essere un spot degli Illuminati.

Katy_Perry_Dark_Horse_snapshot_allah

IL SACRILEGIO – Nell’ultimo video di Katy Perry, nel quale interpreta una specie di Cleopatra dotata di poteri magici, c’è una scena nella quale la nostra dà fuoco a un bel tenebroso. Niente di straordinario, nessuno se n’è lamentato, se non che il bel tenebroso è decorato in abbondanza di vistosi pendagli esotici, almeno per l’Occidente, e che tra questi ce n’è uno che riproduce il sacro nome di Allah e che, sacrilegio, finisce per bruciare insieme al principe.

NIENTE FATWA, MA UNA PETIZIONE – Qualcuno ci ha fatto caso e ora già 50.000 musulmani, per lo più britannici, hanno firmato una petizione che chiede a Youtube di rimuovere il video in quanto blasfemo. Il primo firmatario della petizione, Shazad Iqbal di Bradford, ha spiegato a The Independent che bruciare il nome di Dio nel mondo arabo è un’attività blasfema e di cattivo gusto. La religione musulmana nega infatti l’adorazione dei volti e delle figure umane, ma poi rimedia adorando ad esempio il nome d’Allah, che ovunque sia scritto finisce per assumere le funzioni di tramite con la divinità come accade con il crocifisso.

LEGGI ANCHE: Le figuracce delle star che cadono più belle di sempreFoto

COSA SUCCEDE NEL VIDEO – Nel video (sopra) Katy Perry in veste di magia egizia ne combina un po’ di tutti i colori, compresa una pole dance, prestando così il fianco ad altre critiche. Come sempre accade tutte le volte che si fa riferimento all’Egitto si offre la possibilità ai sostenitori dell’idea dell’esistenza del grande complotto degli Illuminati (e massoni) di trarre dalla presenza di certi segni la conferma dell’impronta della mitica setta segreta che temono capace di governare il mondo Figurarsi in un’occasione del genere, nella quale la scena è stata imbottita a caso di ogni possibile simbolo e orpello e che per fi più è situata idealmente nell’antico Egitto, da dove è arrivato buona parte del seti simbolico poi adottato dagli Illuminati ormai estinti e dai massoni.