|

Googoosh: la popstar iraniana che canta l’amore lesbo

Anche nei paesi ultraconservatori del medio oriente gli artisti che cantano l’amore omosessuale posso riscuotere successo. È il caso della 63enne regina iraniana del pop Faeghe Atashin, in arte Googoosh, che lo scorso 14 febbraio ha rilasciato un video musicale dal titolo ‘Behesht‘ (‘Paradiso’) dedicato alla relazione sentimentale tra due donne.

 

googoosh canzone omosessualità lesbica 3

 

IL BRANO E IL VIDEO – Googoosh nel filmato canta in un locale notturno l’amore di una coppia che nelle immagini non viene mai fatta comparire, se non nella parte finale, quando tra il pubblico seduto ai tavoli davanti all’artista spuntano due ragazze commosse. Alla fine del brano anche la cantante è emozionata per la sua esibizione, mentre le due amanti lesbiche si stringono mano nella mano tra le lacrime. «So che questi sentimenti non dovrebbero essere, ma sono», recita il ritornello della canzone.

 

 

IL SUCCESSO – Il filmato ha ottenuto una larga visibilità sul web con oltre 140mila visualizzazioni su YouTube e decine di migliaia di like su Facebook. Ma, soprattutto, è stato apprezzato da molti giovani iraniani, soddisfatti per la presa di posizione di Googoosh a favore dell’amore tra persone dello stesso sesso. «Bellissimo! Spero che qualcuno nel nostro paese cominci a capire e rispetti!», ha esclamato qualche utente commentando le immagini. Navid Akhvan, che ha scritto e diretto il video ha dichiarato di essersi molto emozionato per quanto letto online e per i messaggi ricevuti da persone appartenenti alla comunità Lgbt iraniana.

 

googoosh canzone omosessualità lesbica 1

 

LEGGI ANCHE: Nicole Bonamino: la prima sportiva italiana che fa coming out

 

LE LEGGI REPRESSIVE – Si tratta, in effetti, di una svolta significativa. In Iran l’omosessualità è un reato punibile con la reclusione, la fustigazione o anche l’esecuzione. E, siccome i processi per le accuse morali si tengono spesso a porte chiuse, è difficile determinare quanti gay o lesbiche vengono condannati a morte ogni anno. Anche Googoosh, che attualmente risiede a Los Angeles, è stata vittima delle leggi repressive della Repubblica Islamica dopo la rivoluzione del 1979. Googoosh, negli anni ’70 considerata l’artista più famosa dell’Iran, è finita in carcere per tre mesi per aver vissuto con un uomo al di fuori del matrimonio. Rimasta in Iran fino al 2000, non potè nel paese mai registrare o fare spettacoli, per il divieto assoluto di esibirsi in vigore per le cantanti soliste.

(Fonte video e immagini: YouTube / canale NYFILMZdotCOM)