|

La strana «invasione» di calamari giganti in Giappone

Tra i pescatori giapponesi sale l’inquietudine: dall’inizio dell’anno è stato catturato un numero notevole di calamari giganti e, parallelamente a quella che comincia a profilarsi come una particolarità statistica nonché come un fenomeno naturale degno di nota, cresce la paura per quello che, tradizionalmente, viene considerato un animale portatore di sventura.

Foto: japantimes.co.jp
Foto: japantimes.co.jp

CALAMARI GIGANTI – Il primo calamaro gigante è stato catturato lo scorso 4 gennaio, al largo delle coste della Prefettura di Toyama. Quattro giorni dopo, riporta l’Independent che cita il The Japan Times, una seconda creatura è stata trovata in una rete da pesca nelle acque dell’Isola di Sato, nell’area della Prefettura di Niigata. Altri tre calamari sono stati presi a Sato e Himi: tutti misuravano tra i tre e i quattro metri di lunghezza. Il più grande, finora, è stato catturato a Iwami, nella Prefettura di Tottori: alla creatura mancavano i due tentacoli più lunghi che, secondo le stime, avrebbero potuto raggiungere gli otto metri di lunghezza.

CREATURE DEGLI ABISSI IN CERCA DI UN PO’ DI CALDO – Il calamaro gigante più grande mai catturato era lungo oltre 13 metri: secondo gli scienziati gli esemplari maschi si aggirano intorno ai 150 chilogrammi di peso, mentre le femmine possono arrivare a sfiorare i 3oo chili. Solitamente gli architeuthis – questo il nome scientifico delle creature – vivono in acque profonde, ad almeno 600 metri dalla superficie, dove le temperature sono comprese tra i 6 e i 10 gradi. Quest’anno però, le temperature delle acque del mare del Giappone sono scese notevolmente a causa dell’ondata di freddo che ha colpito il paese e questo, secondo Tsunemi Kubodera del Museo di Scienze Naturali di Niigata, potrebbe aver spinto i calamari giganti a spostarsi più verso la superficie, in cerca di acque più calde.

 

LEGGI ANCHE: Come fai a portare una tigre dal veterinario?

 

ANIMALI MISTERIOSI – Nessun «cattivo presagio» quindi, ma solo un fenomeno in parte naturale che, comunque, resta in larga parte misterioso: del calamari giganti si sa poco e il ciclo di vita di queste creature rimane ancora pressoché sconosciuto: gli esemplari catturati quest’anno saranno conservati in un museo, per studiare più approfonditamente questa specie così misteriosa.

(Photocredit copertina: Getty Images, immagine di repertorio)