La donna di Arzignano che si fa praticare l’eutanasia in Svizzera

di Redazione | 20/02/2014

– I parenti, angosciati, l’avevano cercata per giorni, finendo per denunciarne la scomparsa ai Carabinieri. Ma lei, Oriella Cazzanello, una signora abbiente di 85 anni di Arzignano, aveva scelto di congedarsi dalla vita in silenzio, recandosi in una clinica in Svizzera dove le e’ stata praticata l’eutanasia. I familiari, con i quali peraltro era in ottimi rapporti, hanno appreso del gesto quando martedi’ sono giunte per posta aerea al notaio le sue ceneri, dentro un’urna, come da sua volonta’.

LA DONNA CHE SI FA PRATICARE L’EUTANASIA – I resti erano accompagnati da una lettera della clinica che spiegava l’accaduto. La signora, come riporta Il Giornale di Vicenza, ha speso 10 mila euro per una iniezione letale che le e’ stata praticata in una clinica di Basilea. Prima di compiere il gesto, si era fatta visitare da uno specialista che l’ha dichiarata nel pieno delle sue facolta’ mentali. All’origine del suicidio non vi sarebbe stata una malattia ma la solitudine, unita al peso della vecchiaia, che aveva fatto sfiorire inevitabilmente la bellezza di cui la signora Oriella andava fiera.(ANSA)