|

La bufala della scuola elementare di Cagliari che «insegna a essere trans»

Secondo il sito di «informazione senza padrone» VoxNews, in due scuole elementari di Cagliari starebbe per essere avviato un «progetto sperimentale» di educazione «a sedicenti ‘cinque generi sessuali’» sponsorizzato dal Comune del capoluogo sardo. L’articolo di VoxNews recita:

Su input del Comune, due scuole elementari cagliaritane stanno mettendo a punto un “progetto sperimentale” di educazione a sedicenti “cinque generi sessuali”. Che sarebbero, secondo Pd e Sel, oltre a uomini e donne – grazie di averli ‘lasciati’ – gli omosessuali, i bisessuali e i transgender. Non basta, perché secondo le associazioni gay invece, i ‘generi’ sarebbero addirittura ’23′. Oltre ai due normali e ai tre aggiunti anche i trans, i transessuali, gli intersex, gli androgini, gli agender, i crossdresser, i drag king, i drag queen, i genderfluid, i genderqueer, gli intergender, i neutrois, i pansessuali, i pan gender, i third gender, i third sex, le sistergirl e i brotherboy. Insomma, prima i malati mentali li curavano, oggi li assecondano.

bufala scuole elementari trans 1
L’articolo di voxnews.info – Click sull’immagine per ingrandire

«MANIPOLAZIONE DELLA PSICHE DEI BAMBINI» – L’articolo prosegue con una dichiarazione di Daniele Caruso, segretario provinciale de La Destra, che promette di battersi contro quella che viene definita una «una insopportabile manipolazione della psiche di bambini e ragazzi». Naturalmente, si tratta di una bufala o, per meglio dire, di una notizia gravemente mal riportata da VoxNews.

 

LEGGI ANCHE: La bufala del cartello che incita gli immigrati a stuprare

 

PROGETTO EDUCATIVO – Il sito Bufale un tanto al chilo, infatti, è andato a ripescare il bando originale pubblicato dal Comune di Cagliari all’inizio dello scorso dicembre che parla espressamente di un progetto educativo finalizzato «all’abbattimento degli stereotipi di genere ed educazione alle differenze» nelle scuole della città. Il testo del bando, infatti, comincia così:

La scuola dell’obbligo ha compiti educativi e formativi fondamentali per lo sviluppo e la crescita dei bambini e delle bambine e svolge funzioni di interazione, socializzazione e coinvolgimento, indispensabili per il raggiungimento di una piena consapevolezza della propria identità e del proprio ruolo di cittadini e cittadine.

bufala scuole elementari trans 2

Un progetto con finalità precise ed elencate nel bando stesso:

acquisizione dei saperi e delle competenze chiave per l’esercizio della cittadinanza e crescita responsabile; integrazione delle diversità; integrazione scuola e territorio.

EDUCAZIONE AL RISPETTO E ALLA TOLLERANZA – Come scrive Bufale un tanto al chilo, il Comune di Cagliari non vuole «insegnare ai bambini a essere trans», ma semplicemente educarli alla consapevolezza e al rispetto delle dei diversi orientamenti sessuali:

Insomma il succo è che si vuol spingere il bambino a non esser chiuso, a non esser ristretto mentalmente, a capire e cogliere che esistono diversi orientamenti sessuali e che le persone non vanno trattate in maniera diversa a secondo che siano di qualsivoglia orientamento, insegnare a non avere comportamenti di discriminazione nei confronti degli altri non vuol dire insegnare a diventare transessuali o transgender, ma solo insegnare rispetto.

(Photocredit: LaPresse)