Il “presidente-mostro” che vuole adottare la giraffa condannata a morte

di Redazione | 14/02/2014

Condannare a morte la giraffa di nome Marius, secondo Ramzan Kadyrov sarebbe stata una disgrazia, mentre condannarne due sarebbe una catastrofe: infatti il presidente ceceno ha utilizzato il suo account Instagram per offrirsi di adottare la seconda giraffa Marius, che rischierebbe di fare la stessa sorte della sua omonima, riporta il Guardian. Kadyrov, che è stato implicato in torture e violazioni dei diritti umani, è un noto amante degli animali ed ha un enorme zoo personale.

LA PROPOSTA – Kadyrov posta spesso su Instagram immagini che lo ritraggono in compagnia di animali esotici e si è quindi offerto di ospitare la giraffa danese: «Ho letto che in Danimarca hanno intenzione di porre fine alla vita di un’altra giraffa», ha scritto Kadyrov sotto le fotografie dei leoni che mangiano il primo Marius, l’animale che secondo il leader ceceno è stato ucciso per «motivi inesistenti», aggiungendo di essere «pronto ad ospitare Marius per motivi umanitari, possiamo garantire buone condizioni di vita e occuparci del suo stato di salute».

Leggi anche: Marius, la giraffa condannata a morte che diventa uno show.

MARIUS – La seconda giraffa chiamata Marius si trova al Jyllands Park zoo, nella danimarca occidentale, che al momento ha solo due giraffe maschio. Lo zoo ora ha aderito ad un programma riproduzione e se i proprietari dello zoo intendono prendere una giraffa femmina, Marius se ne dovrà andare. La prima giraffa chiamata Marius era considerata inutile per la riproduzione perchè era nata da un incesto. Contro la sua morte è stata lanciata una petizione internazionale che ha raccolto più di 27 mila firme e la polemica è andata avanti dopo che è stato sezionato davanti alla folla e poi dato in pasto ai leoni. Per salvare la seconda giraffa Marius ora è stata lanciata un’altra petizione che ha già raggiunto le 3.500 firme.