|

Il candidato premier con la testimonial nuda (a sua insaputa)

Come nella celebre scena di American Beauty, una bellissima ragazza è sdraiata su un letto di rose, nuda, coperta solo dai petali dei fiori. Non si tratta della locandina di un film o di una trovata pubblicitaria, ma di un manifesto elettorale di Narendra Modi, candidato a premier in India per il  BJP, il Partito Popolare Indiano.

Narendra Modi manifesti elettorali India (2)

CAMPAGNA ELETTORALE HOT – Accanto alla ragazza, la modella e attrice Meghna Patel, c’è il simbolo del partito e una scritta: «Vota per Narendra Modi». In un’altra versione la Patel, sempre nuda, si copre con un cartello che reca in bella vista n la foto del candidato in questione.

Narendra Modi, candidato premier per il BJP (Getty)
Narendra Modi, candidato premier per il BJP (Getty)

INIZIATIVA PERSONALE. E SEXY – I manifesti, come prevedibile, hanno fatto il giro del mondo ma, come scrive il quotidiano britannico Guardian, non farebbero parte della campagna elettorale «ufficiale» di Modi. Anzi, sarebbero nati per iniziativa della stessa Meghna Patel, che avrebbe prestato il suo volto e il suo corpo alla causa del candidato del BJP. Purtroppo, questi manifesti sarebbero addirittura stati deleteri all’immagine di Modi, specialmente dopo che il suo partito ha ufficialmente preso le distanze dalla trovata: «Diamo il benvenuto a chiunque voglia aiutarci – ha detto il portavoce del BJP Madhav Bhandhar – Ma non in questo modo così volgare. Se volete supportare Modi ci sono altri modi per farlo, come ad esempio partecipare ai suoi comizi elettorali. Condanniamo fermamente questo comportamento».

 

LEGGI ANCHE: Alessandro Di Battista a Ballarò e la gaffe su Gandhi che non lo era

 

… O SOLO UN MODO PER FARSI PUBBLICITÀ? – Meghna Patel non è rimasta in silenzio e alla stampa indiana ha difeso quella che avrebbe definito una forma di espressione della propria opinione politica: «Non potete dire che quei cartelloni mostrino nudità, o che siano volgari – ha detto l’attrice – Questo è il mio modo di esprimere supporto a Modi e al BJP». Con tutta probabilità, ipotizza Tom Meltzer sul Guardian, l’attrice – nota sopratutto per piccoli ruoli televisivi – avrebbe sfruttato il periodo elettorale per farsi un po’ di pubblicità, cogliendo al volo l’occasione sull’onda dello storico incontro di Modi con l’ambasciatrice statunitense Nancy Powell, dopo anni di gelo a causa del suo ruolo nelle rivolte religiose in Gujarat. A quanto pare, per la bella Meghna  sembrerebbe aver funzionato: il sito web dell’attrice sarebbe diventato irraggiungibile a causa dei troppi contatti ricevuti dopo la pubblicazione delle foto.