|

Michael Schumacher e la moglie che gli parla tutto il giorno

Al capezzale di Michael Schumacher ogni giorno si presenta la moglie per parlare con lui per ore, nel disperato tentativo di favorire il suo risveglio dal coma. La rivelazione appartiene a diverse testate straniere ed è stata ripresa da numerosi siti di informazione. La 44enne Corinna Betsch, sposata con il campione tedesco dall’agosto del 1995, parlerebbe continuamente con il marito nella speranza di ricevere una risposta o un segnale che, fino ad ora, non è mai arrivato.

 

Gran Premio di Abu Dhabi - giovedì pregara

 

L’INCIDENTE IL 29 DICEMBRE – Schumacher è ricoverato presso l’ospedale di Grenoble, in Francia, da domenica 29 dicembre, in seguito ad un incidente avvenuto lungo una pista di sci a Meribel, dove il pilota ha battuto la testa contro una roccia. Le sue condizioni sono apparse critiche fin da subito. Trasportato in ospedale in elicottero, Schumacher non ha mai più ripreso conoscenza. I medici hanno sottoposto in queste settimane il campione tedesco a due interventi chirurgici per ridurre la pressione endocranica dovuta ad un’emorragia.

 

 

LE CONDIZIONI STABILI – Secondo i medici il risveglio di Schumacher, che viene mantenuto in coma farmacologico per evitare complicazioni, potrebbe essere lento. Stando a quanto riferito dal dottor Jean Luc Truelle, a capo del dipartimento di neurologia presso l’ospedale Foch di Suresnes, e riportato da L’Equipe, il completo recupero dal ‘letargo’ potrebbe durare anche anni. Nelle ultime settimane sono anche circolate voci circa la possibilità che il pilota rimanga in uno stato vegetativo permanente, ma l’ultima dichiarazione ufficiale dello staff medico, datata 17 gennaio, parla genericamente di «condizioni stabili». I familiari di Schumacher chiedono comunque che venga rispettato il silenzio dei medici, e invita a non dare attenzione ad alcune notizie speculative sullo stato di salute di Michael che non provenissero direttamente dalla manager o dalla struttura ospedaliera.

(Fonte foto: archivio LaPresse)