Il pianoforte suonato sulle barricate di Kiev

di Redazione | 11/02/2014

Kiev: Lunedì un pianoforte posizionato su una barricata costruita con relitti arrugginiti e veicoli della polizia è stato utilizzato dai manifestanti che si sono esibiti suonando Chopin, ma anche l’inno nazionale ucraino e “let it be” dei Batles, riporta Le Matin. Lo strumento è stato dipinto di giallo e azzurro, i colori della bandiera nazionale. Tra le persone che si sono esibite vi sono state la cantante Ruslana, un pianista con il passamontagna ed alcuni giovani eccellenti musicisti.

Foto: Keystone
Foto: Keystone

Leggi anche: La scuola dei “ninja” contro la polizia ucraina

IL PIANOFORTE – La polizia in assetto antisommossa dall’altra parte della barricata di Via Grouchevski, il luogo dove durante gli scontri sono morte almeno quattro persone e vi sono stati circa 500 feriti nel mese di gennaio, ha risposto a questa pacifica offensiva diffondendo musica pop russa. L’iniziativa è stata riproposta lunedì in altre nove città ucraine, tra le quali Leopoli e Donetsk. «Il pianoforte è già diventato un simbolo della rivoluzione e della resistenza pacifica. Nel nostro paese vi sono differenze di opinione e dobbiamo ricongiungerci intorno a valori come l’arte», ha detto Markian Matsekh, che sta dietro a questa iniziativa, aggiungendo che: «A quel punto potremmo batterci per i tribunali onesti e delle elezioni giuste con la polizia a fianco del popolo».