|

Fidel Castro e le foto ritoccate con Photoshop

Due tocchi con Photoshop e l’apparecchio acustico scompare dall’orecchio del Lider Maximo: l’agenzia di stampa Associated Press ha rimosso dal proprio archivio sette foto di Fidel Castro, foto arrivate all’agenzia direttamente da fonti governative cubane, che sono state ritoccate digitalmente per eliminare la presenza dell’apparecchio acustico indossato dall’ex presidente durante alcuni eventi pubblici.

Cuba, le foto ufficiali di Fidel Castro manipolate
(Photocredit: Alex Castro/AP)

LE FOTO DI FIDEL CASTRO CON L’APPARECCHIO ACUSTICO – Le fotografie fanno riferimento all’incontro di Fidel con il presidente ecuadoriano Rafael Correa e con Cristina Fernandez, presidente dell’argentina, quest’ultima incontrata lo scorso gennaio. In entrambi i casi, Ap riferisce che dalle foto sarebbe stato digitalmente rimosso il sottile «tubicino» trasparente che assicura l’apparecchio acustico all’orecchio dell’ex presidente cubano, oggi ottantasettenne. A compiere il ritocco sarebbe stato Estudios Revolucion, l’agenzia governativa incaricata di distribuire le foto di Castro, mentre a scattarle sarebbe stato il figlio di Fidel, Alex Castro che, stando a quanto riportato dal Guardian, non sarebbe stato al corrente della modifica e che avrebbe subito consegnato le foto originali ad AP.

 

LEGGI ANCHE:  Narciso Contreras: il fotografo premio Pulitzer licenziato per aver ritoccato una foto della guerra in Siria

 

«FALSIFICAZIONE INACCETTABILE» – La Associated Press, che ha dimostrato anche recentemente di non tollerare nessun tipo di falsificazioni delle immagini che pubblica nel proprio archivio fotografico, ha ribadito anche in questo caso che «la rimozione di elementi dalle fotografie è completamente inaccettabile e che costituisce una chiara violazione degli standard di AP». Santiago Lyon, direttore dell’agenzia fotografica, ha spiegato che l’agenzia utilizza foto ricevute da terzi solo in mancanza di alternative e che queste vengono sottoposte a rigorosi controlli prima di essere messe in archivio. Quell’apparecchio acustico, tuttavia, sarebbe sfuggito anche a un occhio attento, e ora tutte le foto «false» sono già state rimosse.

(Photocredit copertina: Alex Castro/AP)