Le fondiste norvegesi con il lutto al braccio a Sochi

di Redazione | 10/02/2014

Il Comitato Olimpico Internazionale «striglia» la Norvegia, una delle delegazioni protagoniste di questa Olimpiade di Sochi. La reprimenda del Cio, nello specifico, si rivolge a Marit Bjoergen, Heidi Weng e Therese Johaug, le fondiste scandinave che sabato hanno gareggiato col lutto al braccio per la scomparsa del fratello di una delle compagne di squadra, Astrid Uhrenholdt Jacobsen.

norvegia-sci-di-fondo-lutto-olimpiadi

«UNA GARA NON PUÒ ESSERE LUOGO DI LUTTO» – Le atlete, infatti, hanno gareggiato con una fascia nera al braccio sinistro: un gesto che era stato notato dai giornalisti e anche dai vertici del Cio, che ha ammonito la squadra norvegese: «Comprendiamo il loro desiderio di omaggiare la memoria di un amico ma un’arena sportiva, dove c’è un’atmosfera di festa, non è il luogo giusto per farlo – ha spiegato alla stampa norvegese la portavoce del Cio, Emmanuelle Moreau – Ci sono molti atleti che hanno perso amici e parenti, capiamo il vostro dolore ma non possiamo permettere che una gara diventi un luogo di lutto».

Guarda le foto:

 

LEGGI ANCHE: Olga Graf: il video del sexy incidente con la tuta a Sochi

 

«PER NOI È GIUSTO COSÌ» – La Norvegia, dal canto suo, ha ricevuto la ramanzina senza scomporsi troppo «Eravamo consapevoli dei rischi – ha commentato il direttore tecnico norvegese Vidar Lofshus – Ma volevamo farlo e abbiamo ritenuto fosse giusto così».

(Photocredit: Getty Images)