Ottoemezzo con Vittorio Zucconi e Massimo Cacciari

di Maghdi Abo Abia | 06/02/2014

OTTOEMEZZO, I NODI BERLUSCONI E CINQUE STELLE – Si parla di Berlusconi, dell’eventuale coinvolgimento di Marina e della decisione di Piero Grasso di costituire il Senato parte civile contro Berlusconi, con il filosofo che si discosta dalla decisione perché il problema è di chi vota un partito che compra senatori e che in questo modo non si esce dal ventennio berlusconiano. Si attacca poi il Movimento Cinque Stelle con i propri deputati e senatori privi di ogni cultura politica che impediscono l’attività parlamentare. I Cinque Stelle secondo Cacciari hanno ragione sull’unione del decreto Imu-Bankitalia ma non fanno altro che aggravare la crisi con il loro comportamento. Vittorio Zucconi si attacca al decreto spiegando che di fronte ad una cosa così importante, il governo deve spiegare cosa succede in ogni talk show. Segno che il governo ha una coda di paglia lunga così, continua Zucconi, e che Letta non sa comunicare. E parlando di crisi, il governo dovrebbe reagire contro le decisioni delle grandi multinazionali dopo il punto di Paolo Pagliaro che denunciava la crisi delle mense di carità. Parlando della percezione americana dell’Italia, Zucconi spiega che gli Usa sono preoccupati dalla destabilizzazione anti-euro con la Russia vicina ed il probabile trionfo degli anti-euro, mentre la politica parla di litigi e nessuno si occupa dei problemi del Paese, con Cacciari che minaccia la deflagrazione dei problemi del Paese perché conviene tutto ma non tornare a votare, con Zucconi che aspetta prima di giudicare le europee di maggio.

 

 

 

 

 

 

OTTOEMEZZO, IL CONFRONTO NEL PD – Massimo Cacciari viene chiamato a commentare le posizioni di Renzi e Letta, con il filosofo che spiega come il segretario abbia bisogno di un anno di tensione alta anche se non ha interesse né a mandare a casa Letta né a fare la staffetta, definita una «puttanata» perché sconfesserebbe la sua storia cadendo in un colossale inciucio, ammesso che Alfano voglia fare un governo con lui. Vittorio Zucconi non ha le idee chiare a parte il fatto che in tutto il mondo il leader del paese è il leader del partito, a differenza di quanto non accada in Italia, un’aquila a due teste dove non si capisce chi comanda, anche se Letta, essendo lui l’uomo di governo, deve fare cose mentre Renzi può vivere di retorica. Secondo Letta qualche margine di manovra ci sarà nel secondo semestre del 2014 nella speranza che venga alleggerito qualche vicolo, con Renzi che al momento non potrebbe fare niente. E Renzi potrebbe conquistare il governo dopo le elezioni e le primarie.

ottoemezzo (1)

 

 

OTTOEMEZZO, LA PRESENTAZIONE – Questa sera a Ottoemezzo, il programma condotto da Lilli Gruber ed in onda su La7 a partire dalle 20.30, saranno ospiti il giornalista Vittorio Zucconi e Massimo Cacciari. Si parla di Partito Democratico e della direzione con il mancato chiarimento tra Renzi e Letta su un’eventuale staffetta a Palazzo Chigi ma che, continua Renzi, ci sarà un accordo entro il 20 febbraio. Ma che succederà?

 

 

 

 

 

LEGGI ANCHE: Ottoemezzo con Andrea Scanzi

ottoemezzo (1)

 

LEGGI ANCHE:

Ottoemezzo con Anna Maria Boschi

Ottoemezzo con Corrado Augias

Ottoemezzo con Beppe Severgnini

 

OTTOEMEZZO, LA «PUTTANATA» DI CACCIARI CHE FA RIDERE TWITTER – La definizione della staffetta data da Massimo Cacciari, ovvero che sarebbe una puttanata, ha scatenato il pubblico su Twitter che commenta ridendo ed appoggiando la lettura del filosofo:

 

 

OTTOEMEZZO, IL CONFRONTO NEL PD – Massimo Cacciari viene chiamato a commentare le posizioni di Renzi e Letta, con il filosofo che spiega come il segretario abbia bisogno di un anno di tensione alta anche se non ha interesse né a mandare a casa Letta né a fare la staffetta, definita una «puttanata» perché sconfesserebbe la sua storia cadendo in un colossale inciucio, ammesso che Alfano voglia fare un governo con lui. Vittorio Zucconi non ha le idee chiare a parte il fatto che in tutto il mondo il leader del paese è il leader del partito, a differenza di quanto non accada in Italia, un’aquila a due teste dove non si capisce chi comanda, anche se Letta, essendo lui l’uomo di governo, deve fare cose mentre Renzi può vivere di retorica. Secondo Letta qualche margine di manovra ci sarà nel secondo semestre del 2014 nella speranza che venga alleggerito qualche vicolo, con Renzi che al momento non potrebbe fare niente. E Renzi potrebbe conquistare il governo dopo le elezioni e le primarie.

ottoemezzo (1)

 

 

 

OTTOEMEZZO, LA PRESENTAZIONE – Questa sera a Ottoemezzo, il programma condotto da Lilli Gruber ed in onda su La7 a partire dalle 20.30, saranno ospiti il giornalista Vittorio Zucconi e Massimo Cacciari. Si parla di Partito Democratico e della direzione con il mancato chiarimento tra Renzi e Letta su un’eventuale staffetta a Palazzo Chigi ma che, continua Renzi, ci sarà un accordo entro il 20 febbraio. Ma che succederà?

 

 

 

 

 

LEGGI ANCHE: Ottoemezzo con Andrea Scanzi

ottoemezzo (1)

 

LEGGI ANCHE:

Ottoemezzo con Anna Maria Boschi

Ottoemezzo con Corrado Augias

Ottoemezzo con Beppe Severgnini