|

Il ragazzo gay ucciso a colpi di skateboard in Brasile

Brasile sotto shock per la morte di Bruno Borges de Oliveira, 18enne di San Paolo brutalmente picchiato da un gruppo di giovani mentre tornava a casa insieme a due amici dopo una serata passata fuori. Bruno era omosessuale, così come i suoi amici, e tre ragazzi sarebbero stati assaliti, picchiati e derubati nel centralissimo quartiere di Bela Vista, cuore della metropoli brasiliana.

Bruno Borges de Oliveira gay san paolo (1)

IL VIDEO CHE IMMORTALA L’AGGRESSIONE – Brasil Post ha pubblicato un video, ripreso da una telecamera di sicurezza, che mostra il momento esatto dell’aggressione, avvenuta il 26 gennaio scorso, e che ha portato all’arresto di parte dei componenti del gruppo degli aggressori, finiti in manette domenica sera. Secondo quanto riferito dal sito Dos Manzanas, i ragazzi hanno confessato il pestaggio, facendo anche i nomi degli altri componenti del gruppo.

 

LEGGI ANCHE: La telenovela con il bacio gay che ha paralizzato il Brasile davanti alla tv

 

LA MORTE DI BRUNO DE OLIVEIRA – A quanto pare non era la prima volta che il gruppo entrava in azione, scegliendo con cura le vittime – tutti ragazzi omosessuali – che venivano derubati di ogni cosa, perfino i vestiti e l’abbonamento ai mezzi pubblici, per costringerli a subire l’umiliazione di tornare a casa a piedi e nudi. Bruno Borges de Oliveira, però, è stato preso selvaggiamente a calci e pugni e picchiato con uno skateboard sulla testa, tanto da provocarne la morte. I due amici che erano con lui sono riusciti a scappare e a chiamare i soccorsi, ma per il ragazzo non c’è stato niente da fare.