Lucignolo svela il segreto di Lapo Elkann

di Redazione | 21/10/2013

E’ Stefano Tomà l’amico di Lapo Elkann suicidatosi due anni fa, del quale il nipote dell’avvocato Gianni Agnelli ha parlato in un’intervista pubblicata la scorsa settimana sul Fatto Quotidiano. A rivelarlo è stata ieri la trasmissione Lucignolo 2.0.

 

lucignolo lapo elkann 04

 

GLI ABUSI – Un servizio in onda nel corso del programma di Italiauno ha raccontato la forte amicizia tra Lapo, Stefano e lo stilista Alessandro Martorana, sconvolta dal gesto estremo di due anni fa, e del male che Lapo e Stefano si sarebbero portati dietro per troppo tempo: gli abusi sessuali subiti a scuola. Al Fatto Quotidiano Elkann aveva infatti raccontato: «I miei fratelli sono rimasti al liceo pubblico, e io, che ero il secondo di otto, sono stato spedito in collegio, dai gesuiti. L’ho vissuta come una vera e propria punizione. Da quando ho compiuto 13 anni ho vissuto cose dolorose che poi mi hanno creato grosse difficoltà nella vita. Cose capitate a me e ad altri ragazzi. Parlo di abusi fisici. Sessuali. Mi è accaduto, li ho subiti». Lapo aveva poi fatto riferimento ad un amico scomparso, anche lui vittima di abusi: «Altre persone che hanno vissuto cose simili non sono riuscite ad affrontarle il mio migliore amico, che era in collegio con me per quasi 10 anni e ha vissuto quello che ho vissuto io, si è ammazzato un anno e mezzo fa. Non ne ho mai parlato prima anche perchè voglio che questa storia serva a qualcuno».

 

 

LA RIVELAZIONE – «E’ un discorso un po’ delicato. A Tomà devo tanto», dice oggi Martorana, amico di Lapo e Stefano, davanti alle telecamere di Lucignolo parlando del suicidio. Il servizio ricorda: «Tomà e Lapo, stessa età, stesso collegio, custodi silenziosi di dieci lunghi anni di abusi, di dieci anni di dolore. Solo loro sapevano. Loro e il terzo amico di sempre, Alessandro Martorana».

 

lucignolo lapo elkann 05

 

LE REAZIONI – Dai messaggi pubblicati su Twitter si evince che non tutti i telespettatori hanno gradito il servizio di Lucignolo:

 

 

 

 

(Photocredit: Italiauno / Lucignolo 2.0)