I cittadini del MoVimento 5 Stelle vanno in vacanza e qualcuno si arrabbia

di Redazione | 20/08/2013

AAA cercasi deputato Cinque Stelle. La seduta agostana della Camera crea un caso all’interno del Movimento. Solo in 20 si presentano alla convocazione che hanno aspramente contestato. E gli altri 84 deputati? Sono al mare e in montagna, esattamente come i colleghi della casta che accusano di non lavorare abbastanza. E qualcuno si è spinto oltre come Stefano Vignaroli, cittadino deputato che ha caricato una sua foto in vacanza.

stefano vignaroli vacanze movimento cinque stelle

“PRESENZA INUTILE” – Eppure il capogruppo Riccardo Nuti, il giorno prima, era stato perentorio: “Siamo pronti ad accorciare le ferie”, aveva tuonato. Ma oggi, in aula, Nuti non s’è visto. Nè sentito. E sui social network in tanti si chiedono se non era meglio presentarsi a Montecitorio. Sulla sua pagina Facebook il vice presidente della Camera, Luigi Di Maio spiega agli amici che era inutile presentarsi in massa in aula per “un mero adempimento”. Sarebbe stata una “foto ricordo” molto costosa messa in conto agli italiani, o una passerella come quella di Epifani che è andato via dopo 5 minuti, giusto per farsi vedere. In tanti sono d’accordo con Di Maio. Ma ci sono anche diversi sostenitori che non hanno gradito.

 

LEGGI ANCHE: La rissa tra Laura Boldrini e il MoVimento 5 Stelle

 

LA BASE E’ PERPLESSA – Come Renato Romano che scrive un post particolarmente apprezzato dai lettori: “E no ragazzi, costi o no, dovevate esserci tutti. Infatti i vari quotidiani hanno scritto che anche quelli del movimento cinque stelle erano in pochi. Noi dobbiamo essere diversi sempre, con sacrificio, ma sempre”. Anche Rita Maraldi evidenzia che la strategia scelta questa volta non paga: “Dai media è passato: il M5s non voleva interrompere vacanze, la legge inasprimento pena quasi una cazzata… pestatina, ripigliatevi. Con affetto e stima”. Antonio Salbitani, un altro militante prova a scuotere i deputati cittadini dal torpore agostano: “Forza ragazzi, però incazziamoci un po di più… qualche manifestazione fa bene, contiamoci”.

LA VERSIONE DI STEFANO VIGNAROLI – Il cittadino Stefano Vignaroli, qui ritratto in una foto vacanziera caricata sulla rete, ha risposto sul suo profilo Facebook a chi gli rendeva conto dell’assenza “accodandosi” alla lettura di Di Maio:

Io sono in vacanza. 7 giorni di vacanza per ricaricarmi. Anche se fossi stato a Roma non avrei trovato un motivo veramente valido per essere in aula a non fare nulla…. è solo una ratifica di un decreto. In aula non c’erano lavori. Solo presenze formali per una convocazione formale. Fuffa il resto

Allora adesso si può dire “buone vacanze”? (Agenzia Dire)