Piepoli chiude la porta a Giachetti: «Roma ha già scelto: Raggi. A Milano il favorito è Sala»

di Donato De Sena | 07/06/2016

Beppe Sala Virginia Raggi

A Roma gli elettori hanno già scelto il nuovo sindaco, Virginia Raggi. Mentre a Milano il favorito è Beppe Sala. I 5 Stelle si schiereranno più a sinistra che a destra. È il parere espresso a Giornalettismo da uno dei più noti esperti di sondaggi e di consenso elettorale, il professor Nicola Piepoli, presidente dell’omonimo istituto demoscopico.

Tra Beppe Sala e Stefano Parisi è testa a testa. A questo punto cosa deciderà la vittoria?

«Milano è una società tradizionale: semplicemente di destra o di sinistra. C’è la visione di destra, dell’aristocrazia, e quella di sinistra, che è quella del popolo. Quale delle due prevarrà? Noi pensiamo che prevarrà il popolo questa volta. L’endorsement dell’attuale sindaco potrebbe funzionare. L’attuale sindaco è molto popolare. Ha governato bene la città».

Anche gli elettori M5S e di sinistra preferiranno Sala?

«Sì. Pensiamo che i 5 Stelle si schiereranno più a sinistra che a destra».

A Roma invece cosa può influenzare il voto?

«Roma ha deciso già il suo voto. Il suo voto è Raggi».

Chi può favorire un tasso di affluenza alto o basso?

«Non lo sappiamo. Ma l’affluenza al ritorno non sarà diversa da quella dell’andata. E comunque cinque punti in più o in meno non cambiano nulla. Centinaia di migliaia di voti sono una forza immensa. Mutare le percentuali con questa forza è pressoché impossibile su movimenti popolari. E il movimento popolare a Roma è un movimento anti-sistema. Il sistema ha reso poco, sia di destra che di sinistra. A questo punto ci si affida ad un altro sistema».

La rimonta di Roberti Giachetti è impossibile?

«Tutto è possibile. Ma se fossi un allibratore darei Giachetti 5 a 1».
(Foto di copertina da archivio Ansa)