Regeni, Alfano alle commissioni Esteri di Camera e Senato: «Impossibile non avere rapporti con l’Egitto»

di Redazione | 04/09/2017

Alfano

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha parlato del caso Regeni e della decisione di ristabilire rapporti diplomatici con l’Egitto alle commissioni Esteri di Camera e Senato riunite a Montecitorio. «L’Egitto è un partner ineludibile dell’Italia esattamente come l’Italia lo è dell’Egitto», ha spiegato Alfano, annunciando che Giampaolo Cantini, il nuovo ambasciatore italiano al Cairo, assumerà l’incarico il prossimo 14 settembre. Lo stesso giorno s’insidierà a Roma l’ambasciatore egiziano, Hishad Badr.

ALFANO: «L’AMBASCIATORE CANTINI SARÀ AL CAIRO DAL 14 SETTEMBRE»

Al Cairo manca un ambasciatore italiano dall’aprile 2016, quando la delegazione diplomatica fu richiamata in Italia a seguito dell’omicidio di Giulio Regeni. Dopo un anno e mezzo di assenza, lo scorso 14 agosto, la Farnesina ha annunciato il ripristino delle relazioni diplomatiche tra i due paesi. L’ambasciatore Cantini è «un diplomatico di comprovata esperienza», ha spiegato Alfano a Montecitorio e la sua nomina «intende rafforzare l’impegno politico e morale del governo italiano al perseguimento della verità» sulla morte di Regeni. «L’ambasciatore continuerà a promuovere il rafforzamento della cooperazione giudiziaria e ogni attività utile affinché nessuno spazio sia lasciato in ombra», ha assicurato il ministro degli Esteri, specificando che Cantini «ha ricevuto istruzioni precise» dal governo e «dovrà seguire in via prioritaria le indagini sul caso».

REGENI, ALFANO: «È IMPOSSIBILE CHE ITALIA ED EGITTO NON ABBIANO UN’INTERLOCUZIONE POLITICO-DIPLOMATICA DI ALTO LIVELLO»

La decisione della Farnesina si far tornare al Cairo l’amasciatore italiano ha suscitato dure polemiche. Alfano assicura che l’interlocuzione con i genitori di Giulio Regeni è rimasta costante e che «l’obiettivo è giungere alla verità sulle circostanze che hanno portato alla sua morte, una verità vera e non di comodo», ma ammette: «È impossibile per i nostri Paesi non avere un’interlocuzione politico-diplomatica di alto livello».
Il ministro davanti alle commissioni Esteri di Camera e Senato ha sottolineato «il duro colpo» subito dai rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto dopo l’omicidio Regeni, «una grave ferita per le nostre coscienze, per tutti noi e per un intero Paese». Per quanto riguarda la scarsa collaborazione (il depistaggio) da parte della procura del Cairo, Alfano sostiene che «i magistrati egiziani hanno soddisfatto in modo ancora parziale ma crescente le richieste contenute nelle rogatorie». E che «dopo un primo insuccesso nel dialogo tra i magistrati italiani ed egiziani», l’Italia ha chiesto «un cambio di passo e un loro impegno più fattivo», parzialmente giunto negli incontri di settembre e dicembre 2016 e poi di maggio e agosto 2017. Il ministro dice anche di aver chiesto al suo omologo egiziato, incontrato a Washington, di fare in modo che gli atti su Giulio Regeni richiesti dalla procura di Roma le vengano trasmessi».

ALFANO: «COLLABORAZIONE TRA L’AMBASCIATORE CANTINI E L’OMOLOGO BRITANNICO SUL DOSSIER REGENI»

Alfano assicura anche che il governo continuerà a sostenere il lavoro della Procura di Roma sull’omicidio Regeni: «Il governo italiano ha sostenuto con passo politico-diplomatico il lavoro investigativo della procura di Roma. Continueremo a sostenere la Procura di Roma nella ricerca della verità in tutte le sedi, compresa l’istituzione britannica per la quale Giulio stava compiendo la sua ricerca», ha spiegato il titolare della Farnesina annunciando inoltre che l’ambasciatore Cantini avrà «un rapporto di collaborazione nella capitale egiziana con il collega britannico» proprio sul dossier Regeni. Il ministro ha aggiunto che «grazie ai suoi rapporti al più alto livello l’ambasciatore continuerà a promuovere il rafforzamento della cooperazione giudiziaria e ogni attività utile affinché nessuno spazio sia lasciato in ombra».

 

Foto copertina: ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI