Akeem Adams, il dramma del calciatore morto per un ictus dopo un attacco cardiaco

di Maghdi Abo Abia | 31/12/2013

Nezmetisport ci parla della morte del calciatore di Trinidad e Tobago e della squadra ungherese del Ferencvaros Akeem Adams, deceduto lunedì all’età di 22 anni a causa di un’emorragia cerebrale, ultimo atto di un calvario fisico partito da un attacco cardiaco che colpì il giocatore lo scorso settembre.

akeem-adams-calciatore-morto-ictus (2)

L’ATTACCO CARDIACO DEL 25 SETTEMBRE – La morte del giocatore è stata comunicata dalla società ungherese che ha espresso il proprio profondo dolore per la morte di Akeem Adams, Nazionale di Trinitad e Tobago. Il giocatore venne colpito da un attacco cardiaco la sera del 25 settembre dopo una sessione d’allenamento con i compagni. Il giocatore venne operato alla clinica cardiologica Városmajori dove i medici hanno impiantato nel torace uno strumento che facilitasse la circolazione cardiaca. Una successiva ischemia con conseguente infezione costrinsero i medici ad amputagli la gamba sinistra pur di non mettere in pericolo la sua vita ma non è bastato.

 

LEGGI ANCHE: Il calciatore che muore in campo per aver inghiottito la lingua

 

UN CALVARIO DURATO TRE MESI – Le settimane successive sembrava potessero dare buone notizie a lui ed alla famiglia, giunta dai Caraibi per stargli vicino. I medici avevano anche pensato ad un trapianto di cuore ma ogni speranza è svanita per colpa di un ictus che l’ha portato alla morte. Ed il dolore del Ferencvaros è lo stesso dei medici. Akeem Adams aveva giocato l’ultima partita lo scorso 22 settembre quando vinse con i compagni il derby sul campo del Nuova Pest per 3-1. Tre giorni dopo ebbe il malore e da lì iniziò il suo calvario a causa di un attacco cardiaco che di fatto aveva compromesso la funzionalità dell’organo tanto che al momento del ricovero le possibilità di sopravvivenza erano del 40 per cento.

UN PROBLEMA GENETICO? – Tuttavia monta la polemica relativa allo stato di salute del giocatore, perché a quanto pare anche il padre del giocatore ebbe un problema simile ma il giocatore, secondo Nezmetisport, non venne sottoposto agli esami del caso nel corso della sua carriera, previsti in caso di malattie genetiche. Il problema era così chiaro, secondo alcuni, che sarebbe stato possibile scoprirlo con una semplice tac coronarica. E considerando che il suo cuore era andato in necrosi, Akeem Adams ha resistito anche più di quanto non ci si aspettasse. (Photocredit Facebook Ferencvaros – With Akeem Adams in mind)