|

Maturità 2013, le tracce dei temi della prima prova: Claudio Magris

10.01 – Il libro di Magris contiene un percorso lunghissimo da luoghi, Paesi, Stati vicini e altri lontani: dalla Spagna al Regno Unito, Svezia, Norvegia, Germania, Austria, Cecoslovacchia, Polonia, Australia, Iran, Cina, Vietnam ma anche le Isole Fortunate e tanti Stati dell’Europa centro-orientale. Sono cronache da citta’, foreste, fiumi, mari, deserti di zone remote. Il viaggiatore Magris cerca di capire i tanti mondi che gli si propongono. Il suo e’ un viaggio vissuto come momento di ricerca, possibilita’ di un piu’ profondo possesso del presente, liberta’ dalle piccole grane della quotidianita’ che imbrigliano l’anima chiudendola all’esperienza degli altri: “Dante sapeva che l’amore per Fiorenza, appreso dall’acqua dell’Arno, doveva condurlo a sentire che la nostra patria e’ il mondo, come ai pesci il mare”.

9.51 – Un grande classico dell’esame di maturità, anche se non sono le tracce:

9.51 – Il brano di Claudio Magri per le tracce della maturità 2013 è questo:

Non c’è viaggio senza che si attraversino frontiere – politiche, linguistiche, sociali, culturali, psicologiche, anche quelle invisibili che separano un quartiere da un altro nella stessa città, quelle tra le persone, quelle tortuose che nei nostri inferi sbarrano la strada a noi stessi. Oltrepassare frontiere; anche amarle – in quanto definiscono una realtà, un’individualità, le danno forme, salvandola così dall’indistinto – ma senza idolatrarle, senza farne idoli che esigono sacrifici di sangue. Saperle flessibili, provvisorie e periture, come un corpo umano, e perciò degne di essere amate; mortali, nel senso di soggette alla morte, come i viaggiatori, non occasione e causa di morte, come lo sono state e lo sono tante volte. Viaggiare non vuol dire soltanto andare dall’altra parte della frontiera,ma anche scoprire di essere sempre pure dall’altra parte. In Verde acqua Marisa Madieri, ripercorrendo la storia dell’esodo degli italiani da Fiume dopo la seconda guerra mondiale, nel momento della riscossa slava che li costringe ad andarsene, scopre le origini in parte anche slave della sua famiglia in quel momento vessata dagli slavi in quanto italiana, scopre cioè di appartenere anche a quel mondo da cui si sentiva minacciata, che è, almeno parzialmente, pure suo.

9.47 – Anche su Google le tracce per la maturità 2013 e le relative bufale hanno fatto proseliti:

tracce maturità 2013 bufale pirandello

9.44 – La bufala di Pirandello ha fatto tanti proseliti in mattinata:

tracce maturità 2013 pirandello

9.41 – Magris era già entrato nella maturità, nel 2005, era uno dei testi del saggio breve sul viaggio; non era lo stesso brano de l’infinito viaggiare, ma un articolo del Corriere della Sera del 2003.

9.40 – Su Twitter la traccia per la maturità 2013 non è apprezzatissima:

9.29 – La traccia di Magris per la maturità 2013: “Non c’è viaggio senza che si attraversino frontiere – politiche, linguistiche, sociali, culturali, psicologiche, anche quelle invisibili che separano un quartiere dall’altro della stessa città, quelle tra le persone, quelle tortuose che nei nostri inferi sbarrano la strada a noi stessi”. Questa una parte del testo di Magris in L’Infinito Viaggiare:

Non c’è viaggio senza che si attraversino frontiere – politiche, linguistiche, sociali, culturali, psicologiche, anche quelle invisibili che separano un quartiere da un altro nella stessa città, quelle tra le persone, quelle tortuose che nei nostri inferi sbarrano la strada a noi stessi. Oltrepassare frontiere; anche amarle – in quanto definiscono una realtà, un’individualità, le danno forme, salvandola così dall’indistinto – ma senza idolatrarle, senza farne idoli che esigono sacrifici di sangue. Saperle flessibili, provvisorie e periture, come un corpo umano, e perciò degne di essere amate; mortali, nel senso di soggette alla morte, come i viaggiatori, non occasione e causa di morte, come lo sono state e lo sono tante volte. Viaggiare non vuol dire soltanto andare dall’altra parte della frontiera,ma anche scoprire di essere sempre pure dall’altra parte. In Verde acqua Marisa Madieri, ripercorrendo la storia dell’esodo degli italiani da Fiume dopo la seconda guerra mondiale, nel momento della riscossa slava che li costringe ad andarsene, scopre le origini in parte anche slave della sua famiglia in quel momento vessata dagli slavi in quanto italiana, scopre cioè di appartenere anche a quel mondo da cui si sentiva minacciata, che è, almeno parzialmente, pure suo.

E poi:

Quando ero bambino e andavo a passeggiare sul Carso, a Trieste, la frontiera che vedevo, vicinissima, era invalicabile – almeno sino alla rottura fra Tito e Stalin e alla normalizzazione dei rapporti fra Italia e Jugoslavia – perchè era la Cortina di Ferro, che divideva il mondo in due. Dietro quella frontiera c’erano insieme l’ignoto e il noto. L’ignoto, perchè là incominciava l’inaccessibile, sconosciuto, minaccioso impero di Stalin, il mondo dell’Est, così spesso ignorato, temuto e disprezzato. Il noto, perchè quelle terre, annesse alla Jugoslavia alla fine della guerra, avevano fatto parte dell’Italia; ci ero stato più volte, erano un elemento della mia esistenza. Una stessa realtà era insieme misteriosa e familiare; quando ci sono tornato per la prima volta, è stato contemporaneamente un viaggio nel noto e nell’ignoto.

9.27 – Le prime foto postate su Twitter dei ragazzi alle prese con le tracce dell’esame di maturità:

tracce maturità 2013

Il live di Studenti sulla maturità 2013

9.24 – Su TgCom24 ci sono i testi delle tracce della prima prova dell’esame di maturità:

tracce  maturità 2013

9.22 – Il tema di ordine generale della maturita’ 2013 parte da una frase del fisico viennese Fritjof Capra. Bisogna commentare una frase da uno scritto del 1997, ‘La rete della vita’.

9.21 – Il saggio o articolo di giornale sui delitti politici si concentra sui casi: Matteotti, Kennedy; Aldo Moro, l’arcivescovo Francesco Ferdinando. Quello su individuo e societa’ di massa prende in considerazione brani di Pasolini, Remo Bodei, Elias Canetti ed ugenio Montale.

9.18 – Il tema di ordine generale tra le tracce della prima prova della maturità 2013 parte da una frase del fisico viennese Fritjof Capra. Bisogna commentare una frase da uno scritto del 1997 ‘La rete della vita’. Testi di Pasolini, Canetti e Montale. Zingales, Pirani e Krugman per il testo su Stato e Mercato.

9.17 – Su Twitter si scherza per Pirandello:

9.15 – Fra le tracce della prima prova della maturita’ 2013 ce n’e’ una sugli omicidi politici. È questo l’argomento scelto all’interno della tipologia B, saggio breve, per l’ambito storico-politico. Si parla, fra gli altri, guardando all’Italia, degli omicidi di Mussolini e di Moro. Guardando all’estero si fa riferimento a quanto avvenuto nella ex Jugoslavia. 9.11 – Per le tracce della prima prova della maturità 2013, ‘L’Infinito viaggiare’ e’ una raccolta di brevi scritti di viaggio, ricordi e appunti che vanno dal 1981 al 2004, interessanti in se’, ma illuminati da una prefazione che crea nel lettore una straordinaria consapevolezza: quella di avere di fronte un testo importante, una chiave di volta per la comprensione non solo dell’autore, ma anche del proprio modo di stare nel mondo, del proprio osservare. Importante e’ il nesso che Magris subito da’ al lettore come spunto di riflessione: c’e’ una stretta connessione tra l’idea di viaggio e la scrittura, soprattutto oggi in cui si sente con maggior forza l’esigenza di un confronto con la realta’. Inoltre scrittura e viaggio significano sempre separarsi da qualcosa per scoprirne un’altra, allontanarsi da una certezza per avvicinarsi a una meta sconosciuta, a un’idea, a se stessi. Lo rivela l’agenzia di stampa Dire. 9.06 – Fra le tracce della maturità 2013 ce n’e’ una sulla ricerca sul cervello. “La ricerca deve scommettere sul cervello” cita il titolo della traccia che compare nella tipologia B di prova, quella che prevede la realizzazione di un saggio breve o articolo. Negli allegati c’e’ il riferimento al progetto ‘Brain’ illustrato dal presidente degli Usa, Barack Obama. 9.05 – Per l’ambito artistico-letterario del saggio breve di questa maturità 2013 e’ stata scelta una traccia su ‘Individuo e societa’ di massa’. Fra i brani offerti per realizzarla compaiono due autori italiani del ‘900, ovvero Pasolini e Montale. Le opere artistiche inserite negli allegati sono di Warhol e Guttuso. 9.02 Tracce della prima prova della maturità: Claudio Magris in una foto tratta da Wikipedia: esami maturità 2013 prima prova claudio magris 2 E tre citazioni da L’infinito viaggiare: – Un matrimonio, un’esistenza condivisa, può essere, in buona parte, anche questo, andare insieme per il mondo a guardare quel tutto o niente che c’è da vedere. – Vi sono momenti, nei quali ovviamente nessuno spera di venirsi a trovare, in cui soltanto chi è disposto a perdere la propria vita la salva. – Viaggiare è una scuola di umiltà, fa toccare con mano i limiti della propria comprensione, la precarietà degli schemi e degli strumenti con cui una persona o una cultura presumono di capire o giudicano un’altra. 9.00 – Claudio Magris e L’Infinito viaggiare colpiscono come scelta su Twitter:

 

 

8.58 – Fra i brani offerti per realizzare il saggio breve/articolo di giornale, nella traccia di ambito storico-politico, c’e’ un articolo del ‘Corriere della sera’ sui 55 giorni del rapimento Moro.

8.57 – L’individuo e la societa’ di massa; gli omicidi politici, Stato, mercato e democrazia; la ricerca sul cervello. Sono gli argomenti dei quattro saggi brevi o articolo di giornale cui dovranno cimentarsi i maturandi.

8.54 – La traccia storica della maturità 2013 è sui cosiddetti Brics: Brasile, India, Russia, Cina e Sudafrica. Il candidato deve parlare della storia di due di questi Paesi. Sul sito di scrittura creativa Rablé si descrive così la prefazione de L’Infinito Viaggiare di Claudio Magris:

L’infinito viag­giare di Clau­dio Magris (edito da Mon­da­dori negli Oscar) si apre con una pre­fa­zione che non è una sem­plice intro­du­zione al libro ma una rifles­sione sul signi­fi­cato stesso del viag­gio. Viag­gio inteso come con­di­zione esi­sten­ziale ed essen­ziale dell’uomo, come espe­rienza fisica e intel­let­tuale. Attra­verso il viag­gio l’uomo sfida se stesso, si cono­sce e si perde.

Il viag­gio è l’esperienza car­dine e impre­scin­di­bile nella vita di un uomo. Magris affronta que­sta tema­tica anche, anzi soprat­tutto, attra­verso la let­te­ra­tura. Egli dia­loga, discute con i grandi scrit­tori che hanno affron­tato la tema­tica del viag­gio. Così crea, con la sua pre­fa­zione, una mappa sul viag­gio che per­mette al let­tore di navi­gare secondo le sue inclinazioni.

8.52 – La copertina del libro di Magris:

esami maturità 2013 prima prova claudio magris

E la presentazione su Ibs:

“Ci sono luoghi che affascinano perché sembrano radicalmente diversi e altri che incantano perché, già la prima volta, risultano familiari, quasi un luogo natio. Conoscere è spesso, platonicamente, riconoscere, l’emergere di qualcosa magari ignorato sino a quell’attimo ma accolto come proprio. Per vedere un luogo occorre rivederlo. Il noto e il familiare, continuamente riscoperti e arricchiti, sono la premessa dell’incontro, della seduzione e dell’avventura; la ventesima o centesima volta in cui si parla con un amico o si fa all’amore con una persona amata sono infinitamente più intense della prima. Ciò vale pure per i luoghi; il viaggio più affascinante è un ritorno, come l’odissea, e i luoghi del percorso consueto, i microcosmi quotidiani attraversati da tanti anni, sono una sfida ulissiaca. “Perché cavalcate per queste terre?” chiede nella famosa ballata di Rilke l’alfiere al marchese che procede al suo fianco. “Per ritornare” risponde l’altro.”

8.49 – L’autore scelto per la prima prova di italiano, analisi del testo, e’ Claudio Magris. Si tratta di un brano dalla prefazione di ‘L’infinito viaggiare’.

8.21 – E’ stato appena diffuso sul Tg1 il secondo codice di accesso per ”decriptare” le tracce per il primo scritto della Maturità 2013. Abbinandolo a quello gia’ in loro possesso le commissioni potranno ”scaricare” i temi da proporre ai maturandi. Il codice di accesso e’ stato letto dallo stesso ministro dell’Istruzione collegata dal ministero con lo studio del Tg1.

Sono circa mezzo milione gli studenti che stamani, con la prima prova di italiano, cominceranno l’esame di maturità 2013. Per la prima prova, la traccia del tema, i nomi più gettonati sono Saba, Ungaretti e Pirandello per la letteratura, Internet e la violenza sulle donne per l’attualità. Anche quest’anno, l’invio delle tracce delle prove scritte avverra’ per via telematica e non attraverso i fascicoli cartacei. Per i candidati ci sarà il solito ventaglio di scelte (analisi del testo, tema storico, tema di attualita, ecc.). La seconda prova scritta si svolgera’ domani, mentre la terza e ultima è in calendario per lunedì 24 giugno. Come funziona l’esame di maturità 2013:

MATURITÀ

E, dal Corriere della Sera, tutti i numeri dell’esame di maturità:

esame maturità 2013 prima prova tracce

Qualche “faccia da esame di maturità 2013” dal servizio di Sky:

E ovviamente su Twitter, lo strumento preferito dagli studenti, c’è chi segnala qualche … stranezza:

 

Ed è impressionante la velocità con cui si aggiorna il social network negli ultimi minuti:

esami maturità 2013 prima prova tracce tema

Mentre su Facebook c’è chi dà tanti buoni consigli:

esame maturità 2013 prima prova tracce