|

Maturità 2013: come copiare alla prima prova

Addio vecchi bigliettini con inchiostro blu o etichette dell’acqua da Treccani.  Per la maturità 2013 i metodi per salvarsi last minute cambiano. Si va dall’orologio che si collega ad internet con una schedina da un giga al caro e vecchio libricino da smollare in bagno.

TAIWAN-IT-TECHNOLOGY-SHOW

MATURITà 2013? TIC TAC – Se il prof si avvicina gli puoi sempre far vedere l’ora. Con un tasto di emergenza il gioco è coperto. Trattasi dell’orologio bigliettino, in vendita on line, con due giga di memoria con la quale si possono traslare (come una banale penna usb) gli appunti utili. Bastano almeno 60 euro euro e il gioco è fatto. Si possono acquistare anche modelli alternativi a 30 euro e con 8 giga di memoria, dove tenerci anche file audio e video. La novità gira oramai da anni in rete, tanto che nel 2011 una intera classe dell’istituto “Farina” di Vicenza fu scoperta mentre guardava troppo freneticamente l’ora. In alternativa, con un po’ di soldi da parte si può optare per un watch phone: orologio che si connette tranquillamente in rete. Però si sale sugli ultimi modelli da 500 euro l’uno.

guarda la gallery:

MATURITà 2013: ROBA DA JAMES BOND – Su E Bay costano solo 5 euro e 90. Si chiamno strip, sono fogli lunghi 16 cm e larghi 7 e se ne possono acquistare 10 in un blocco solo. “L’esame di maturità si avvicina e se vuoi risparmiare tempo per fare i bigliettini da portarti dietro il giorno dell’esame….. acquista gli strip!!!” è lo slogan di vendita lanciato on line. Si è ricchi e si vuole spendere bene 239,90 euro? Basta un auricolare, con una collana bluetooth, usata tramite cellulare tenuto nascosto in tasca. Nell’articolo in vendita si promuove l’efficacia del microfono, in grado “di captare la propria voce anche parlando con bassissimo tono”. Se si possiede uno smartphone ci sono una moltitudine di App in grado di fornire in tempo utile le versioni corrette di prima e seconda prova. L’ANP, associazione nazionale presidi ha lanciato l’allarme qualche settimana fa, rivolgendosi direttamente al neoministro Maria Chiara Carrozza. “Ministro, bastano pochi soldi, bisogna installare rilevatori elettronici di smartphone nelle sedi d’esami” spiega il professor Giorgio Rembado, presidente di ANP. Quest’ anno però nessun rilevatore. D’altronde non siamo come in Germania, dove i macchinari sarebbero in sperimentazione e le sanzioni in caso di pizzicata sono molto rigide.

OLD SCHOOL – Fotocopie rimpicciolite e bigliettini, da nascondere ovunque. In alternativa ci sono i classici “temari”: libricini formato mini ricchi di spunti e temi papabili da lasciare prontamente nella toilette per una “mapia condivisione”. Oppure sempre sulla scia del darsi una mano ci sono vocabolari e dizionari dei sinonimi/contrari. Con un buon schema di numeri si possono lasciare all’interno informazioni che salvano dall’ansia. Oppure si possono lasciare mini frasi sotto foglio, o foglietti nella bic. Per la terza prova esiste la cara e vecchia calcolatrice. Dove segnare per bene che risposta dare.

MI OFFRO CONSULENTE – Doppio telefono (di cui uno più piccolo da nascondere per bene) e controlli incrociati via sms. C’è chi sui forum da anni fornisce consulenza immediata: “In cambio chiedo solo ricariche vodafone da 10 euro per versione (quindi 2 ore del mio tempo) in quanto le versioni ve le assegnano per 2 ore…approfittatene…io la versione ve la mando al 100% e mi pagherete dopo averla ricevuta…con i servizi via sms automatici non sempre si trova la versione desiderata e riskiate di prender un bel 3”. Se poi non c’è cellulare si può sempre sfruttare l’iPod. Se gli insegnanti sono un po’ vecchiotti si può eludere il controllo leggendo il materiale pre scaricato. Oppure basta la penna magica. Si preparano i bigliettini che con inchiostro “simpatico” sembreranno lindi e bianchi. Con una speciale luce a raggi ultravioletti (attivata via penna stessa) si potranno leggere tutte le info utili.

VEDI COME FARE – In alternativa, mantenete la calma e seguite i numerosissimi tutorial su Youtube. Stando però attenti:

Oppure semplicemente studiate. Magari puntando sul mutuo soccorso. I forum pullulano di richieste d’aiuto urgenti. Trovate qualcuno che vi regala una mano: gratis.

 

MATURITA’ 2013: LE TRACCE DELLA PRIMA PROVA