E la Vajassa entrò nel dizionario della Seconda Repubblica (Video)

Qualche anno fa, nel 1997 per la precisione, Silverio Novelli e Gabriella urbani pubblicarono per gli Editori Riuniti il “Dizionario della  Seconda Repubblica”. Allora facevano trionfalmente il loro ingresso nel lessico politico termini come “inciucio“, “ribaltone“, “buonista“, “discesa in campo“, “dipietrese“, “forzista” e persino il sostantivo maschile “minzolinismo“. Oggi, a distanza di 15 anni, forse proprio all’implosione di quella “Nuova Repubblica”, in realtà mai davvero nata, fa il suo ingresso un termine “napoletano” pure piuttosto antico: Vaiassa. Madrine, è proprio il caso di dirlo, dell’importazione della “Vajassa” (o vajass) nel Palazzo, sono state due campane doc che occupano, ormai da diversi anni, gli scranni parlamentari e persino le poltrone del governo. Ci riferiamo alla salernitana Mara Carfagna e alla napoletana (sia pure da anni trapiantata nella Capitale) Alessandra Mussolini. Anche loro, come sappiamo, (sotto)prodotto politico-culturale di questa sedicente “Seconda Repubblica”.

VAJASS A CHI? FUNICOLARE SENZA CORRENTE! - Vajassa (vajass) nel dialetto napoletano sarebbe una donna sguaiata e volgare, incline al pettegolezzo e alla rissa. Secondo il Vocabolario delle parole del dialetto napoletano,  di Ferdinando Galiani, Francesco Mazzarella Farao Partenio anticamente significava originariamente “serva di casa”. Viene dall’arabo Bagasch che a sua volta, nel dialetto toscano diventa Bagascia, ossia donna disonesta. Siccome però l’etimologia spesso inganna, si pensi che sinonimo di bagascia è anche peripatetica, parola d’origine nobile ed intellettuale derivata dal “Peripato”, nell’antica Atene il viale del giardino del  Liceo, non è improbabile che pure Vajassa possa percorrere, in modo inverso, lo stesso cammino ed assurgere ad un valore di più alto lignaggio dopo l’intemerata delle due politiche. Comunque per capire come agisce ed opera una Vajassa doc, vi consigliamo l’ascolto di questo pezzo “rap” di Federico Salvatore, cantante napoletano che spesso rappresenta nelle sue canzoni proprio la Napoli più “folkloristica”. Quella delle vajasse, appunto.

Il testo di Federico Salvatore ©

A: Signora Scogliamiglio, stamattina vostro figlio il più piccolo Giovanni mi ha sporcato tutti i panni, mio marito l’ha strillato ma il bambino è scostumato non mi sente non m’ascolta e non è la prima volta. E vi dico onestamente, anzi proprio chiaramente, senza il minimo imbarazzo: sto vaglione a rutt o cazz e si o trovo nat’vota ca pazzea sott o balcone io te facc ascì ra cuorp l’uva, l’acino e o strippone.
Perchè chisto figlio e ndrocchia, ca conoscia già a cazzimma, me l’ha fatt sott a l’uocch i che stuppolo sfaccimma e si no o mittit a posta a stu cantere merduso parlo co’ marito vuost ch’è nu chiavico rattus.
Ca me ncontr miezz e scale e me guard semp e coscie chillu piechere rinale cu na facc a culo e pesce. E mo ca me so sfugata, pozz appennere o capiell, perchè essendo altologata non mi abbasso al tuo livello…
B: Ne signora altologata, tu accussì t’è presentata, stamattina s’è capit tiene a lengua ‘nto pulito. Me pe me che so vayass non mi abbasso a stu cunciett e siccom vac e press, te rispong’ a cul apiert. Granda locena sfunnata, piezz e tofa nchiavecata, stammattina s’è ntufata chesta loffa ‘mbalsamata. T’aggia fa e chesta manera, scinn cà stronza scarfata, provasona, jettachera ca te sguarr sbrummecata.
A: Stu panaro case e ove chesta uallera pernacchia, sta ladrina e strada nova ma t’è vist rint o specchio ? Waio e nott puntunera culo a form e nzalatera, te mettess pe scuppet, pe botton ra vracetta.
Ma te visto cosa brutta, masculone senza zizze stu scupill e cess asciutt se ne vene a sgizz a sgizz. E chi si storta ruffiana lebbracosa arrecanata, i te taglio e cannarini e te scos panz e rine.
B: We zozzosa carcagnosa, puzzolosa chiene e scorza, sta nguacchiata ntummecosa mo me mangio a panza a muorz.
A: A chi te mangia a muorz zuccolona culumbrina, si t’afferro oi ‘ni te ‘ndorz arretirete mappina.
B: O pasciappa, pisciaturo rota e sciumm, puzzasciato.
A: Viene a ca zella scugnata ca te ngaso rint’ o muro.
B: Cularotta perocchiosa granda pereta lummera a confronte e te è na rosa.. na cagata e l’autrieri.
A: We nzivosa lumagiorna e che fai a fa a nfuchera jiett a faccia rint o scuorn, vat jiett buttunera.
B: Buttunera a me, vavosa, tu si a primma vasciajola. T’aggia fa spogn e pertosa, viene sott cessajola. Zucasangua a tradimento, t’è venuto o sbrinamient, che vuliv siv e nzogna arreparat a chest’ogne
Scippe, ?!?, buffettuno, struscinate cazzettuno murze pizzichi capate capucchiate e paccariate !
Troppo stretto napoletano mi dispiace non riesco a scrivere tutto. Il Segno ?!? vuoldire che nn sapevo. Sorry. By TSoft


Il resto è troppo stretto anche per l’autore della traduzione e per lo stesso autore (napoletano) di questo articolo che non riesce a tradurlo :D