|

La pagina Facebook dei “giovani fascisti italiani”

Dal 2010 esiste su Facebook una pagina dal nome inequivocabile: “I Giovani Fascisti Italiani” nata per, testuali parole, “soli FASCISTI, chi non condivide gli ideali del Fascismo non è benvenuto. Per la rinascita dell’Italia! FASCISMO VUOL DIRE: ORDINE, RIGORE, POTENZA, UNIONE, LEGALITA’, GIUSTIZIA, AZIONE, RINNOVAMENTO, PATRIA, LIBERTA’, AMORE, FAMIGLIA, LAVORO”.

i giovani fascisti italiani su Facebook

I CONTENUTI – Si tratta di una pagina apprezzata da 60.915 persone e non mancano le riflessioni sullo stato attuale della politica nostrana richiamando l’esperienza del passato. Ad esempio in un’immagine si mettono a confronto le vacanze ai Caraibi degli attuali politici con Mussolini che passava il Natale con i bambini dell’orfanotrofio. Si parla del valore delle vecchie cinque milalire, si ripropongono i pensieri di Ezra Pound e di tanto in tanto compare qualche foto del Duce alternata ad altre immagini rievocatrici del ventennio. Da notare come fino a pochi minuti fa appariva la fotografia di una ragazzina intenta ad esibirsi in un saluto romano presentandosi come “sorella amministratrice” della pagina. L’immagine al momento è stata cancellata.

LEGGI ANCHE: Elezioni a Roma, Casapound prende la metà dei voti di Alfonso Marra

 

GLI SCONTRI – Parliamo di una pagina ben seguita e sopratutto ben commentata, segno che ancora oggi, nonostante siano passati tanti anni dalla primavera del 1945, il fascismo rappresenta ancora un’ideale al quale migliaia di italiani si rivolgono, e di questo ovviamente bisogna tenerne conto. Come bisogna tenere conto della presenza di molti definiti “zecche” da qualcuno che attaccano senza mezzi termini l’ideologia proposta in questa pagina ricordando i fatti del passato e ribadendo la loro contrarietà al fascismo, in ogni sua forma. I botta e risposta, talvolta violenti, tra le parti dimostrano come l’argomento sia tutt’ora sentito e “polarizzato”. E grazie a Facebook ora anche l’ideologia può essere nutrita senza sforzo alcuno. (Photocredit Facebook)