|

“Basta scene di nudo ne Il trono di spade”

Basta scene di nudo in Games of Thrones. A dirlo non sono gli sceneggiatori, ma Oona Chaplin, che nella serie tv tratta dalla saga fantasy di George R. R. Martin, interpreta il personaggio di Talisa Maegyr, la compagna di Robb Stark. L’attrice, nipote del grande Charlie Chaplin, si fa portavoce dell’insofferenza di una collega di set che preferisce restare anonima, ma che avrebbe rivelato alla Chaplin di averne abbastanza di mostrare il proprio seno a milioni di telespettatori.

oona-chaplin-nuda-games-of-thrones-2
Photocredit: Getty Images

CHI L’AVRÀ DETTO? – “Una delle ragazze dello show, che nelle prime due stagioni ha tirato spesso fuori la mercanzia, ora non lo vuole più fare perché dice che vuole essere riconosciuta per i suoi talento di attrice e non per il suo seno” – ha detto Oona al Telegraph. Le sue parole sono state poi riprese anche dall’Huffington Post francese. La Chaplin si è rifiutata di rivelare il nome della collega ma molti fan della saga ipotizzano possa essere Emilia Clarke, che interpreta la principessa Daenerys Targaryen.

“NON HO NESSUN PROBLEMA A STARE NUDA” – Dal canto suo Oona ha dichiarato di non aver problemi a mostrarsi senza veli: “Sono piuttosto combattuta a questo proposito perché adoro il corpo delle donne – ha detto alla première de Il grande Gatsby – Se è fatto in modo elegante, in un modo che onora il corpo femminile, sono sempre felice di poter vedere quelle scene. Il fatto di considerare il corpo come un oggetto riguarda l’occhio di chi guarda. Io mi sento a mio agio, come se dicessi ‘ok, sono nuda nessun problema’”.

 

LEGGI ANCHE: La ragazzina dà lezioni di chitarra a Eddie Van Halen

 

LE POLEMICHE – In Italia la serie viene trasmessa da Rai4 e soltanto qualche settimana fa era stata al centro di una furiosa polemica sollevata dall’Aiart, l’associazione degli spettatori cattolici, che chiedeva l’immediata sospensione del programma ritenuto “depravato e pornografico” proprio a causa delle frequenti scene di sesso e violenza.