Josefa Idem: una campionessa per ministro

JOSEFA IDEM-

Dalla canoa al governo

Il dado è tratto: l’Italia ha un nuovo Governo. Tra i nomi spunta la tedesca, e cittadina italiana dal 1992, Josefa Idem: nota canoista che conta il maggior numero di partecipazioni alle Olimpiadi. Ecco che cosa scrivono i giornali tedeschi Die Bild e Die Welt.

JOSEFA IDEM-

JOSEFA IDEM - Josefa Idem è il nuovo Ministro per lo Sport e per le Pari Opportunità italiano. Tedesca di origine e cittadina italiana dal 1992, la campionessa mondiale ha sposato Guglielmo Guerrini, il suo allenatore e si è affacciata nel mondo politico nel 2001, quando è diventata assessore allo Sport per il Comune di Ravenna, nella fila dell’Ulivo. Che cosa scrivono i giornali del suo paese dell’attuale traguardo politico che l’ha portata tra i nomi del Governo Letta? Die Welt parte dal momento dell’annuncio e ricorda che Idem ha scritto su Twitter: “Mi tremavano le mani, sento la responsabilità ma non la temo. Mi rimbocco le maniche e mi metto al lavoro al servizio del Paese”.

JOSEFA IDEM-13

guarda le immagini:

SPORT E POLITICA - “Josefa Idem, 48 anni, ha utilizzato Twitter per esprimere i suoi sentimenti al momento dell’annuncio di Letta” scrive Die Welt della campionessa di canoa e “nuovo ministro appena sfornato per lo Sport e per le Pari Opportunità”. La storia di Idem unisce due paesi, l’Italia e la Germania. Durante le Olimpiadi del 1984 a Los Angeles si innamora dell’allenatore Guglielmo Guerrini e proprio per amore si trasferisce in Italia nel 1988: la storia sboccia nel matrimonio e Idem diventa a tutti gli effetti cittadina italiana. La sportiva va a vivere a Ravenna e dall’unione nascono due figli: Janek e Jonas. Die Welt ripercorre le tappe che portano l’atleta ad impegnarsi politicamente: “Dal 2001 al 2007 è responsabile per lo Sport al comune di Ravenna e nel 2009 lo diventa a livello regionale”. Dopo l’esperienza regionale, Josefa Idem si trasferisce a Roma: “Idem ha messo nella politica la stessa disciplina che l’ha sostenuta nello sport” infatti la canoista ha vinto tutto quello che c’era da vincere. Alle Olimpiadi e ai Campionati nel Mondo ha vinto sei medaglie d’oro, undici di argento e nove di bronzo, ai campionati Europei ha portato a casa dodici medaglie. “Lo sport non è un’attività separata dalla vita per Idem, è la vita stessa”.

MINISTRO CAMPIONE - Die Bild chiama Josefa Idem “Bella bionda” e apprezza la scelta di Letta di aver inserito sette donne tra i nomi al Ministero. “La stella dello sport sorride alle telecamere nel ritratto di gruppo” scrive il giornale tedesco e ricorda la presenza della canoista anche alle ultime Olimpiadi di Londra della scorsa estate: “Dal 1984 al 2012, Josefa Idem è sempre lì pronta a gareggiare. Da diciannovenne a Los Angeles correva per la Germania ma nella seconda olimpiade del 1988 si è innamorata di un italiano”, questo il ritratto che Die Bild fa a Idem, alle 38 medaglie collezionate e alla passione politica che oggi ha portato a farla diventare Ministro. Die Welt scrive che la canoista ha messo nella passione politica la grinta dello sport perché “Vuole davvero provare a cambiare le cose all’interno della società” e “vuole fare del suo meglio”. Nel 2012 Josefa ha sbaragliato la concorrenza nelle primarie del PD a Ravenna: è stata la più votata e questo le ha permesso di entrare in Parlamento a febbraio. Mamma, sportiva, politica e sognatrice accanita: “Conquistare grandi risultati è come scalare una montagna e raggiungere la vetta: da lassù si ha una vista impareggiabile”. Chissà cosa sta vedendo dai piani alti della politica. Ecco un filmato d’epoca di uno dei suoi più alti successi sportivi:

(Photo Credit/Getty Images)