Maria Chiara Carrozza ministro della pubblica istruzione

27/04/2013 - di

La lista dei ministri del governo Letta

Maria Chiara Carrozza ministro della pubblica istruzione

Neodeputata del Pd e dal 2007 rettore della Scuola Superiore Sant’Anna, Maria Chiara Carrozza e’ il nuovo ministro dell’Istruzione. Nata a Pisa, 47 anni, presidente del Forum Universita’ del Pd, Carrozza da novembre 2006 e’ professore straordinario in Bioingegneria Industriale presso la Scuola Superiore Sant’Anna dove da novembre 2004 a ottobre 2007 e’ stata anche Direttore della Divisione Ricerche.

maria chiara carrozza ministro

MARIA CHIARA CARROZZA MINISTRO - E’ stata ‘visiting Professor’ nel 2003 presso l’universita’ di Vienna per tenere corsi sulla biomeccatronica e nel 2004 ha insegnato biomeccatronica presso l’Universita’ Campus Biomedico di Roma. Dal 2003 tiene corsi di criteri di progettazione di mani artificiali, fondamenti di robotica umanoide, neuro-robotica, biomeccatronica e bioingegneria della riabilitazione presso l’Universita’ di Pisa e la Scuola Superiore Sant’Anna. L’attivita’ scientifica di Carrozza ha inizialmente riguardato il settore della microingegneria biomedica, con particolare riferimento alla progettazione di strumentazione biomedica.

MARIA CHIARA CARROZZA
– Successivamente, l’attivita’ si e’ orientata verso le aree scientifiche della biorobotica, della biomeccatronica e della neuro-robotica, applicando paradigmi e metodologie proprie della bioingegneria industriale alla modellazione, progettazione e fabbricazione di sistemi intelligenti per applicazioni biomediche. In particolare l’attivita’ di ricerca si e’ focalizzata verso i seguenti ambiti specifici: studio di criteri di progettazione bio-ispirati e biomeccatronici, progettazione e realizzazione di componenti e sistemi per robotica umanoide, progettazione, fabbricazione e realizzazione di protesi cibernetiche e di interfacce neurali per la connessione della mano artificiale al cervello, progettazione e realizzazione di sistemi per la neuroriabilitazione dell’arto superiore e di ausili per il supporto funzionale. (ANSA)

27 Commenti

  1. pietro scardino da settimo torinese scrive:

    b.sera se è possibile avere una risposta x quanto riguarda le scuole superiori è possibile con tutti i professori a spassso non si riesce a fare delle classi x il recupero anni?le scuole private chiedono una barca di soldi e se uno non ce li ha deve farsi un finanziamento si parla dai tre ai cinque mila euro mi sembra esagerato se lei eventualmente a delle risposte da darmi questa e la mia e mail pietro scardino@live.it la ringrazio e le auguro buon lavoro

  2. Rosaria scrive:

    Gentile Ministro,
    Vorrei puntare l’interesse sui centri estivi. Sono carenti di personale adeguato, vengono pagati poco e in nero,ammucchiano i bimbi di ogni età creando problemi con i più piccoli che subiscono le angherie dei grandi.
    Le scrivo come sfogo personale, perché pur pagando non ricevo i servizi. Per 5 settimane ho pagato € 750 fino alle 13, 30 senza pranzo, extra per la doccia e l ‘ asciugacapelli. Secondo me il centro estivo può essere il continuo del lavoro scolastico, no una società temporanea a scopro di lucro. Vorrei una legge che tuteli i bimbi anche quando la scuola è finita. Non è giusto pagare più dello stipendio che si percepisce e non avere i servizi. Più controlli e personale qualificato per i centri estivi.

  3. Michele scrive:

    Gentile Ministro Carrozza, sono il papà di un giovane insegnate di 32 anni, che non è né chusy né bamboccione, in quanto pur non essendo di ruolo riesce ad insegnare come precario sobbarcandosi molti chilometri al giorno, affinché il suo punteggio gli permetta un giorno di poter entrare di ruolo nella scuola (sarà possibile o è un sogno? Ai posteri l’ardua sentenza).Vivendo al sud ed essendo le nostre graduatorie super affollate di aspiranti insegnanti, mio figlio tre anni fa presentò domanda presso il MIUR di Verona, nonostante sia in una buona posizione sia nella scuola media che in quelle superiori quest’anno dalle graduatorie ad esaurimento non sono stati immessi in ruolo nemmeno un aspirante insegnante. Faccio presente che mio figlio dopo essersi laureato in scienze motorie ha frequentato altri tre anni di università a Campobasso per conseguire l’idoneità all’insegnamento e il sostegno. Adesso le chiedo, in qualità di Ministro cosa intende fare, ripeto fare non parlare, per risolvere questo problema che si sta incancrenendo sempre più !!! Non le pare che questa generazione di giovani non abbia alcuna colpa per l’eredità che noi gli stiamo lasciando ? Se ritiene che la mia sia una giusta lamentela mi risponda, le faccio presente che altri politici, di qualsiasi colore mi hanno ignorato, sappiano però che alle prossime elezioni ci ricorderemo del loro distacco dai problemi reali del Paese. A buon intenditore poche parole.Grazie

  4. Indignata scrive:

    NON leggerai mai questo commento perchè di chi ti chiede giustizia non ti importa, non importa a nessuno di voi. Il ministro dell’istruzione tiene a cuore i problemi degli studenti.. siamo noi il motore del futuro oppure no? ma quello che dovrebbe essere “il ministro dell’istruzione” non ci ascolta, non risponde….. per colpa di pura burocrazia non si muove mai una foglia..e intanto… noi studenti veniamo calpestati..ci sentiamo arrabbiati.. impotenti… non ci si può creare un carriera ad esempio.. perchè sei legato al voto di maturità..è vero?
    delusione, NO BONUS MATURITà

  5. sabri scrive:

    Il bonus maturità potrebbe servire ma il percentile in base alla classe è vergognoso!!!!Se uno studente capita in una classe di bravi anche se ha preso un bel voto viene penalizzato non può usufruire del voto. Ma in che paese viviamo si penalizzano sempre di più i giovani che tentano accesso alle università. Cambiate altrimenti andremo sempre più alla deriva

  6. Paolo scrive:

    egregio ministro sono un lavoratore come gli insegnanti faccio i turni anche di notte ( ho solo 15 giorni di ferie all’anno estivi), lavoro anche la domenica e festivi. Mi chiedo perche gli insegnanti devono farsi 3 mesi di ferie all’anno più tutti i festivi a casa! (15 giorni a Natale, 1 settimana a Pasqua ecc.) Sono lavoratori diversi dai comuni mortali?

  7. raffaele scrive:

    siamo andati via da italia percbe lavoro non ci sta lasciando il nostro paese ci troviamo in francia abbiamo una bambina di 8 anni dove quest anno frequenta la scuola italiana a parigi e anche qui troviamo la mafia ministro e giusto secondo lei grazie buon lavoro

  8. gennaro scrive:

    cara ministro putroppo deve ammetterlo deve andare a casa,non puo decidere sulla pelle dei giovani il bonus viene eliminato.tutti quei ragazzi che ci credevono ora non ci credono piu’.il pdl con il ministro gelmini stava rivoluzionando il sistema universitario sarebbe di mettere la medicina a mumero aperto e’ sarebbe giustissimo cosi finirebbe il mangia mangia e amici degli amici cara ministro carozza.pertanto sarebbe opputuno che si dimettessa oppure la poltrona fa comodo.

  9. Paola scrive:

    Caro ministro mi faccio a stessa domanda ogni anno di questi periodi se i minori sono tutelati e la scuola dell’obbligo é fino a sedici anni non è sembra una cattiveria (sudditanza psicologica) far affrontare ad un minore i trauma di una bocciatura?
    Attendo risposte cordiali saluti
    Paola da Benevento.

  10. Undeniably imagine that which you said. Your favourite justification seemed to be on the internet the easiest factor to
    take into account of. I say to you, I definitely get irked even as other people
    think about worries that they plainly do not know about.
    You controlled to hit the nail upon the highest and also outlined out the entire thing without having side effect , folks
    can take a signal. Will probably be again to get
    more. Thanks

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Presentazione del nuovo stadio della AS Roma

Vogliono bloccare lo Stadio della Roma.

20:38 Un emendamento al decreto Sblocca Italia, voluto dai parlamentari romani del Pd Umberto Marroni e Roberto Morassut e approvato in commissione ambiente alla Camera potrebbe rivelarsi deleterio per la società di Palotta. Che sarebbe costretta a compensare gli extravalori dell'impianto con un unico versamento finanziario e non più con le opere da costruire CONTINUA