Dario Fo e le battute su Brunetta a La Zanzara

26/04/2013 - di

Scoppia la polemica

Dario Fo e le battute su Brunetta a La Zanzara

“Brunetta che giura da ministro? La prima cosa che faccio è cercare un seggiolino per poterlo mettere a livello, all’altezza della situazione. Oppure meglio una scaletta, così se la regola da sé”. A parlare è Dario Fo che, ai microfoni del programma di Radio24 La Zanzara, sfoga tutta la propria frustrazione all’idea di rivedere Renato Brunetta in veste di ministro del prossimo governo Letta.

Dario-Fo-16-

IL CERVELLO È ANCORA PIÙ PICCOLO - “Sarebbe una gentilezza che si fa a Brunetta, e alla società, per non avere l’angoscia di vedere qualcuno che non ce la fa – ha proseguito il premio Nobel, parlando del totoministri – Il cervello di Brunetta quello sì che è ancora più piccolo”.

 

LEGGI ANCHE: L’assurdo #totoministri di Twitter

 

E SCHIFANI? - I conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo chiedono a Fo anche la sua opinione su Schifani al governo. Implacabile la risposta: “Il cognome è onomatopeico, dentro il suo nome c’è già tutto, il rifiuto e il senso di angoscia e di repulsione per queste persone. Con questi al governo mi hanno copiato delle scene intere del Mistero Buffo”.

 

30 Commenti

  1. mario scrive:

    L’ex fascista diventato comunista e’ uno stronzo opportunista radicalchic che pensa solo ai suoi soldi e se ne frega dei poveri,questi peones sbavano per il cretino che irride i suoi fans beoti…………….veramente idioti………ma cosa si vuol pretendere dagli intellettuali CULt di sinistra?

  2. giulio scrive:

    Gli hanno dato il nobel perché sua moglie la troia ha spompinato tutta la giuria mentre il giullare se la spassava ridendo come il solito come un beota.

  3. peppe scrive:

    Se si aveva qualche dubbio sull’imbecillita’ di questo truce individuo ( ma nemmeno il figlio non scherza : un perfetto Idiota) e’ stato fugato……….. al funerale della sua ricca ( ma niente ai poveri ) guerrigliera insipida, il suo grido da vero CRETINO conferma il giudizio sul trombone rosso e si resta stupiti di come abbiano fatto ad assegnarli il nobel ( avra’ di certo leccato i culi agli intelletuali radicalchic sinistronzi di casa nostra salottieri e ricchi snob ) che lo hanno indirizzato a come appropriarsi di premi e prebende perché essi lo fanno…….ma con i soldi presi ai poveri solo fumo…….i soliti figli di puttane.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Pse e Pse francese guidato da François Hollande e Manuel Valls

La sinistra europea e l’incubo 25%

19:11 Le maggiori formazioni legate al Pse attraversano un periodo di crisi o aperte difficoltà, con l'eccezione del PD in Italia. La Spd non è capace di riprendersi dalle due sconfitte di 2009 e 2013, i socialisti di Hollande e Valls collezionano solo passi falsi dopo la vittoria del 2012. Nelle due più importanti elezioni del 2015, in Regno Unito e in Spagna, laburisti britannici e socialisti iberici scontano l'affermazione di formazioni populiste come Ukip e Podemos CONTINUA

ConfindustriaSicilia

Mafia, le ombre su Confindustria Sicilia

18:48 Dai codici etici e i proclami contro Cosa Nosta, alle inchieste. Dopo il caso del presidente Montante, indagato, "Repubblica" ricorda altri scandali. Compresa l'inchiesta che coinvolge il capo dei costruttori siciliani, Ferlito, per il quale è stato richiesto il rinvio a giudizio CONTINUA