|

Le Iene e le ragazze delle foto sexy su Facebook

Le Iene ieri sera hanno mandato in onda un servizio di Enrico Lucci che analizza il tentativo di alcuni giovani ragazze di fare carriera nella vita attraverso foto sexy sul proprio profilo Facebook.

FOTO SEXY SU FACEBOOK – Perché le ragazze pubblicano foto sexy su Facebook? Si può cercare disperatamente la popolarità anche sui social network? E dove, altrimenti, considerando che è la nuova vetrina? L’inviato delle Iene Enrico Lucci parte alla scoperta del fantastico mondo della ‘popolarità maccheronica’ ovvero l’autopromozione  via autoscatto/bacheca. Sebbene non ci siano guzzantiani spingitori di cavalieri a guidare le qwerty delle giovanotte, la celebrità sembra essere – per il loro immaginario – a portata di click. “Facebook è una vetrina” dice la prima ragazza intervistata, scopriamo quali luci utilizzano per mostrare la ‘merce’. Qui è possibile rivedere l’intero servizio:

 

guarda le immagini:

LEGGI ANCHE: Facebook provoca crisi di astinenza – Foto

 

FACEBOOK VETRINA – “Perché scegli quel tipo di foto?” chiede Lucci di fronte a baci saffici e foto al mare sexy e l’intervistata risponde: “Puoi avere conferme, certezze da parte delle altre persone” e poi lamenta l’arrivo di commenti volgari come “guarda che culo” mentre vorrebbe sentirsi dire “che carina che sei” perché “bisogna guardare anche quello che c’è dentro”. Lucci utilizza il solito tenore sarcastico e riesce a far ‘confessare’ le ragazze, entrando in contatto con facilità in un mondo fatto di corpi mezzi nudi e iLikes. Il caso non è isolato e arrivano anche altre ragazze: insomma, il gruppo di amiche la pensa allo stesso modo. Anche l’amica Miriam è disponibile a mostrare le proprie foto, insieme a un’altra ragazza Stefania. Nella stanza di quest’ultima spunta anche il Mein Kampf ma specifica: “L’ho comprato per sapere cosa pensava ‘sto deficiente”. Durante l’intervista, Lucci mostra il tentativo di una persona che vuole approfittare della giovane con un “calendario” non retribuito ma che le permetterà “di fare molta strada”. La questione è che per le aspiranti ragazze dello spettacolo, Facebook diventa una droga, un metro di giudizio per valutare l’impatto estetico e Stefania confessa che se appena pubblica una foto non riceve un “mi piace” si domanda “che cos’ha che non va” perché ama “stare al centro dell’attenzione” e non mancano i commenti volgari.

APPROCCIO ALL’ESISTENZA – “Facebook è un trampolino di lancio” e la promozione del social network le sta aprendo “le strade dello spettacolo” dice ancora Stefania. È il turno di Miriam che spiega “mettiamo foto provocanti volutamente” e “poi non si riesce a farne a meno”. Bruno Maccarri, padre di Stefania, sedicente cantautore di Ostia, Roma, conferma la ‘dipendenza’ della figlia e invitano Lucci a “Miss Fiumicino” dove l’inviato entra in contatto con una realtà fatta di presentatori col parrucchino e playback: è proprio qui che Stefania riceve un premio e, a riprova di quanto detto, chiede a un ragazzo del pubblico di pubblicare subito la foto su Facebook e il giovane dice: “già fatto, già fatto”. In conclusione, Facebook trova lavoro?

 

 

(Photo Credit/LeIene-VideoMediaset)