|

L’iPhone e la soluzione per non farlo rompere cadendo

Un attimo di distrazione e l’iPhone ti sfugge di mano, precipita ai tuoi pedi e quando lo raccogli il vetro è rotto. È successo anche a Simon Usborne, giornalista del quotidiano britannico Independent e, come a lui, è successo anche a un quarto dei possessori del melafonino. Tanti sarebbero, secondo il sondaggio citato dal giornalista, gli utenti di iPhone che si rassegnano a utilizzare lo smartphone di Apple con il vetro del display ornato da una ragnatela di crepe: la riparazione è costosa e l’assicurazione spesso non copre il danno. Così, racconta Usborne, dal momento che il telefono funzionava e aveva anche spesso di perdere schegge di vetro non ha fatto nulla, esattamente come farebbe un terzo di quelli nelle sue stesse condizioni.

SOLUZIONE HI-TECH – La fragilità di iPhone è cosa nota e, secondo Usborne, vedere in circolazione così tanti telefoni danneggiati non farebbe una buona pubblicità ad Apple, tanto è vero che a Cupertino starebbero pensando di correre ai ripari escogitando qualche soluzione hi-tech. Nel 2011, infatti, sarebbe stato depositato un brevetto di “Meccanismo Protettivo per un Dispositivo Eettronico” che, secondo quanto riferito da Usborne “rileverebbe la caduta libera, e attiverebbe un meccanismo per spostare il baricentro del dispositivo in modo da farlo atterrare sul bordo invece che di faccia, come un tuffatore che si allunga il più possibile prima di colpire l’acqua”.

 

LEGGI ANCHE: Apple progetta l’iPhone che si protegge da solo dalle cadute

 

FAI DA TE? – “L’idea è grandiosa – commenta Usborne – Ma la feature per il momento esiste solo sulla carta. E coloro che non hanno voluto investire in una custodia di gomma devono darsi al fai da te: Internet pullula di kit di riparazione su misura, ma lo si fa a proprio rischio e pericolo.”Le storie che raccontano lavori raffazzonati abbondano in ogni angolo del web. Come Olivia Solon, editor a Wired.co.uk, che ha fatto cadere il suo iPhone mentre pedalava. “Con 20 sterline  – racconta ancora Usborne – si è procurata su Amazon un vetro nuovo. Un’ora e un quarto e qualche imprecazione più tardi l’aveva sistemato. Tutto sembrava funzionare a dovere ma si era dimenticata di collegare un connettore e il telefono è morto poco dopo. Così anche Olivia si è unita alla schiera di possessori di iPhone rotti che si augurano che Apple si renda conto del fatto che, a volte, alle persone scivolano le cose di mano”.

(Phortocredit: intomobile.com)