Barbara Contini: l’ex senatrice e le conversazioni erotiche

BARBARA CONTINI-SENATRICE-TRATTATIVA HOT-LEADER CROATO-

L'ex inviata Osce avrebbe fatto il filo in modo esplicito a un leader croato

L’Espresso fa una rivelazione shock sul comportamento di Barbara Contini e riporta dichiarazioni che la vedono implicata in una seduzione diplomatica di frasi esplicite. La sua carriera è a rischio? Ecco cosa è successo.

L’ACCUSA - “Questa notte, quando farò l’amore con mia moglie, penserò a te”. “Bastardo!”. “Vuoi fumare?”. “Vorrei far uscir fuori qualcos’altro da te”. L’Espresso apre direttamente con lo scambio infuocato che avrebbe visto protagonista Barbara Contini, ex senatrice Pdl e prima ancora inviata dell’Osce, e un leader croato. L’italiana è nota per le sue esperienze lavorative balcaniche avendo prestato servizio in Bosnia. Le accuse sono gravi perché rischiano di incrinare la carriera di Contini, tacciata di aver indotto in tentazione un leader croato. L’indiscrezione è trapelata solo adesso e a farla a L’Espresso è stata Victoria Fontan, che all’epoca dei fatti accompagnò Contini a Drvar, in Bosnia.

 

guarda le immagini:

LEGGI ANCHE: Scopri quanto è ‘clown’ Berlusconi - Foto

L’INCONTRO HOT - È il 2001 quando a Drvar “gli effetti della pulizia etnica sono ancora drammatici: i serbi sono ridotti a vivere in rifugi di fortuna” scrive l’Espresso e tutti lavorano a far tornare il paese alla normalità ma le difficoltà sono evidenti. Per risolvere le problematiche, Barbara Contini a capo del centro regionale dell’Osce di Mostar decide di incontrare Drago Tokmadija, leader croato. All’appuntamento sono presenti Fontan e un altro funzionario, che assistono all’incontro in un locale in vista “Il Rimini”. Fontan ha detto a L’Espresso che non appena i due si sono incontrati: “Il meeting scivolò su un piano sessuale. Era chiarissimo che stava cercando di negoziare in un modo che lei pensava fosse attraente per lui – e dopo vari bicchieri di whiskey – alla fine uno ha cominciato a rivolgersi all’altro in modo sessualmente esplicito”. Fontan riportò tutte le frasi nel suo report anche la lewinskiana “Voglio farti un p…”. L’incontro, secondo le dichiarazioni di Fontan, si sarebbe spostato successivamente presso il Bastasi Hotel.

L’INSABBIAMENTO - Tokmadija il giorno successivo all’incontro si vantò di avere un trofeo ‘intimo’ e Fontan racconta la preoccupazione poiché la loro posizione era “completamente compromessa. Ci eravamo schierati con una delle due parti in conflitto”. Victoria Fontan denunciò l’accaduto ma i due report, uno a sua firma e l’altro del collega, non furono presi in considerazione. Fontan ha detto ancora a L’Espresso: “Ci fu detto che era un caso estremamente delicato, da gestire nella massima confidenzialità. E noi ci credemmo perché non conoscevamo l’organizzazione, eravamo dei principianti”. Contini, candidata alle ultimi elezioni con Bruno Tabacci, è stata contattata dalla stessa rivista ma ha negato di conoscere Victoria Fontan.

(Photo Credit/La Presse)