Il bacio censurato delle spose lesbiche

18/02/2013 - di

La rivista Weddings Unveiled ha rifiutato l'immagine

Il bacio censurato delle spose lesbiche

Censurata dalla rivista Weddings Unveiled perché voleva mostrare il bacio tra due donne sposate. Anne Almasy, una fotografa americana di matrimoni, si è vista rifiutare la richiesta di acquisto di uno spazio pubblicitario soltanto perché voleva mostrare l’immagine dell’unione tra due persone dello stesso sesso, come spiega l’Huffington Post.

LA PUBBLICITA’ CENSURATA – E’ stata la stessa fotografa a spiegare il caso sul suo blog, difendendo la sua scelta e denunciando quando accaduto:

“Per la prima volta, dopo 10 anni, avevo deciso di acquistare uno spazio pubblicitario, sulla rivista Weddings Unveiled: una mezza pagina, concordata via mail e attraverso diverse telefonate con i redattori della rivista. Avrei potuto scegliere  qualsiasi foto: magari una sposa sorridente con suo marito in smoking. Ma ho voluto pubblicare uno scatto che spiega la mia filosofia professionale”, ha affermato.

SOLTANTO AMORE – La fotografa spiega come non abbia voluto pubblicizzare la comunità gay, ma come il suo fosse un modo per mostrare con gli scatti l’amore, in tutte le sue forme. “Quelle due donne avevano unito le loro vite attraverso il matrimonio. Condividono la loro vita, le loro gioie e dolori. La stessa quotidianità vissuta da noi tutti ogni giorno con i nostri partner”, ha aggiunto. Persone come tutti, semplicemente amore.

LA CENSURA DELL’ANNUNCIO – Era stato l’editor della rivista a chiedere alla fotografa di cambiare la richiesta:

“C’è forse un’altra fotografia che desidera utilizzare nel suo annuncio? Noi non ci sentiamo di pubblicarne uno che mostra  una coppia dello stesso sesso. Queste non sono le nostre convinzioni personali, naturalmente, ma, sa …”

Ma la fotografa non ha cambiato idea: sull’Hp si spiega come la rivista non abbia voluto rischiare, timorosa di “offendere parte del suo pubblico”, nonostante siano diversi i sondaggi che spiegano come la maggior parte delle persone sostenga il matrimonio omosessuale: ben il 68%, secondo un sondaggio recente, negli Stati Uniti.

Fonte: blog.viacom.com

Nonostante i numeri, diverse sono ancora le aziende che preferiscono far finta di nulla e che si rifiutano di pubblicizzare i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Una discriminazione di genere e legata all’orientamento sessuale che non è piaciuta alla fotografa, che ha denunciato la censura pubblicamente. Sono poi arrivate le scuse dell’azienda, che ha cercato di spiegare la sua decisione, con sincerità:

“La questione continua a dividere, pensavamo che parte del nostro pubblico potesse offendersi. Ci dispiace aver agito per paura e incertezza. Non avevamo mai dovuto affrontare una situazione simile: abbiamo agito in un modo che non rispecchia le nostre convinzioni personali. Siamo davvero convinti che tutto l’amore sia bello e che tutte le persone abbiano il diritto di sposarsi. E allora perché abbiamo preso questa decisione? Perché sapevamo che non tutti condividono il nostro modo di pensare”, hanno aggiunto Terri e Brooke, gli editori della rivista.

Dal suo blog Anne ha così denunciato la scelta: “Spero che un giorno siano gli occhi della storia a smentirvi: la vostra decisione sembrerà arcaica e assurda”, ha concluso la fotografa.

1 Commento

  1. ErikaT scrive:

    Siamo sommersi di film, programmi, foto, riviste a tematica etero con baci, scene un pò hot e si censura il bacio fra due persone dello stesso sesso??

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

screenshot via Repubblica

Matteo Renzi a Ballarò: «Tfr in busta paga? Ci stiamo pensando»

9:20 Poi ha risposto alla polemica lanciata da Massimo D'Alema durante la direzione del Pd, quando ha affermato che il primo ministro ascolterebbe più Verdini della minoranza del Pd: «D'Alema...ce non ci fosse bisognerebbe inventarlo: ogni volta che parla recupero un punto percentuale nei sondaggi». CONTINUA