|

Francesca Pascale e i segreti dell’amore con Berlusconi

‘Presidente, come è bello lei…’. ‘Signorina, ci vede beneì?’. “Presidente, come è bello lei…”. E Berlusconi risponde: “Beh, ci difendiamo. Ma, signorina, è sicura di vederci bene”. E` dopo questo dialogo, che risale al 5 ottobre 2006, riportato da “Chi” in un ritratto elegiaco molto privato di Francesca Pascale, che appare sul numero in edicola domani, mercoledì 13 febbraio, che nasce la storia d`amore tra il leader del Pdl e la giovane politica napoletana. Tesserata di Forza Italia della prima ora (in famiglia sono tutti berlusconiani di ferro).

LA VITA – Francesca Pascale incomincia giovanissima con la prima candidatura al Consiglio comunale a Fuorigrotta Bagnoli. Poi al Consiglio provinciale nel collegio di Posillipo. Finisce come consigliere provinciale (da quando la sua vicenda sentimentale con Silvio Berlusconi è salita alla ribalta, si è dimessa dalla carica e non vuole più saperne di politica). Poche settimane dopo l`incontro con Berlusconi la madre di Francesca Pascale si scopre malata, ha un tumore allo stomaco molto aggressivo, in casa inizia il calvario delle cure, delle speranze e delle disillusioni. Alla fine Giuseppina Pascale verrà ricoverata e operata a Villa Betania. Quando i medici danno poche speranze alla famiglia, Francesca chiama Berlusconi, gli chiede aiuto. Berlusconi si interessa al caso, fa trasferire la mamma a Milano, al San Raffaele.

ROMA – Non c`è, in ogni caso, nulla da fare, Giuseppina Pascale torna a Napoli per morire nel suo letto, il 27 ottobre 2007. Francesca, ventenne, decide di lasciare Napoli. Si trasferisce a Roma. Ora Francesca Pascale vive a Palazzo Grazioli. Una sola cosa divide la coppia: il tifo calcistico. Francesca è pazza del Napoli, Berlusconi, ovviamente, del Milan. E sono discussioni molto accese, su chi vincerà lo scudetto. Ma Francesca non rinuncerà mai a Cavani, così come Berlusconi non rinuncerà mai a Balotelli. Fonte: Tmnews