Il coming out infinito di Jodie Foster

di - 14/01/2013 - "Devo fare un annuncio che mi rende un po' nervosa...Sono single"

Il coming out infinito di Jodie Foster <1>

Tutte le foto <1>

Il coming out infinito di Jodie Foster

Vedi foto

    SCOPRI >>

    “Devo fare un annuncio che mi rende un po’ nervosa…Sono single”. Ha cominciato con una battuta il suo discorso alla cerimonia della consegna dei Golden Globe, ma poi si è fatta seri e ha voluto comunicare al pubblico il suo fastidio per certe esigenze e pressioni dello show-biz:

     ”Ho fatto il mio coming out migliaia di anni fa, già nell’età della pietra. Durante quei giorni in cui una giovane, fragile ragazza si confidava con amici fidati, parenti, colleghi e poi, gradualmente, orgogliosamente, con chiunque la conoscesse. Con chiunque incontravo. Ma, apparentemente, mi è stato detto, ci si aspetta dalle celebrità che evidenzino qualsiasi aspetto della loro vita privata con la stampa, dandogli un profumo, in un reality show”. 

    IL BUSINESS LO VUOLE - Il punto di Foster è che non è un mistero che sia omosessuale, lo sanno tutti da sempre, non lo ha mai sbandierato e non lo ha mai nascosto, neppure di avere una donna come partner, anche perché visto il suo enorme successo professionale non ha mai avuto bisogno di usare il gossip come leva per guadagnare visibilità. Ma evidentemente qualcuno questa volta le ha chiesto di esprimersi pubblicamente, non tanto ad onor della causa LGBT, quanto più probabilmente a beneficio dello spettacolo, che comunque Foster ha onorati rivendicando con orgoglio la sua scelta e salutando commossa i parenti. Una non-notizia quindi, se non nella sua parte di critica al mondo dello spettacolo, ma che allontanandosi dalla fonte è stata rielaborata ed è resuscitata in un’altra veste, molto più vistosa.

    DA NOI - Una trasformazione perfettamente esemplificata dalla dichiarazione della deputata Paola Concia che, pur plaudendo alle dichiarazioni di Foster, forse si è persa un pezzo per strada e  ha capito solo che c’è stato il coming out di Jodie Foster:

    “Il coming out di Jodie Foster, ieri davanti ai suoi figli, durante la cerimonia di premiazione dei Golden Globes, e’ stato un momento davvero bellissimo e poetico di verità. L’attrice americana ha la mia stessa età, posso capire perfettamente il lungo percorso che l’ha portata finalmente a vivere apertamente e serenamente i propri sentimenti e il proprio amore davanti al mondo intero. Il suo gesto trasmette un grande messaggio a tutti quei ragazzi e ragazze gay, lesbiche o transessuali, che hanno paura di vivere alla luce del sole le loro vite. Ho sempre sostenuto che l’esempio dei personaggi pubblici può aiutare moltissimo e per questo motivo voglio ringraziare Jodie Foster. Sono sicura che grazie alle sue parole , da qualche parte nel mondo, oggi ci sarà sicuramente un adolescente omosessuale che si sentirà meno solo e meno impaurito.”

     LEGGI ANCHE:

    15 Commenti

    1. L'estinzione dei dinosauri scrive:

      un’altra figa che se ne va nell’altra sponda…

    2. sdfsdfss scrive:

      chissà per quante persone risulta essere una novità questo coming out

    3. Alda scrive:

      Te ne siamo grati Jodie, ce n’era proprio bisogno… Ma quanta propaganda gay dobbiamo sopportare ancora?

      • ErikaT scrive:

        Il fatto che in tv ci siano quasi solo film a tematica etero invece cos’è?
        Il fatto che solo le coppie di sesso diverso possano sposarsi e adottare invece cos’è?
        Il fatto che non ci sia ancora una leggere contro omofobia e transfobia che cos’è??
        Società etero-centrica forseee????
        vegetariantrav blog

    4. io scrive:

      ma quanta idiozia omofoba si deve ancora tollerare prima di rispettare l’individuo al di sopra di ogni pregiudizio?

    5. Fireman scrive:

      Per me è una novità. Rispetto all’apprezzamento che ho sempre avuto per questa attrice è una novità equivalente all’aver saputo che ha l’alluce del piede destro valgo, ma è pur sempre una novità. Ha ragione lei a doversene sentire infastidita: se il coming out l’ha già compiuto da anni per ciò che riguarda la sua vita personale, non si capisce quale debba essere la necessità nel farlo fare anche al suo personaggio pubblico. L’Onorevole Concia ha senz’altro ragione ad affermare che questo fatto può essere positivo per quanti sono ancora costretti, dal contesto sociale in cui si trovano, a vivere in maniera problematica la loro identità di genere, ma è anche vero che ai personaggi pubblici andrebbe lasciato la possibilità di gestire la propria vita privata senza doverla per forza immolare per le esigenze del palcoscenico. Mica tutti devono essere come Belen, di cui conosciamo, nostro malgrado, anche i tempi precisi del ciclo mestruale…

    6. Silvio B scrive:

      Si si doveva fare come Lucio Dalla e Renato Zero invece, vigliacchi lecca culo del vaticano…brava Miss Foster !!!!!

      • Fireman scrive:

        Il mio concetto era quello che una persona debba poter scegliere di tutelare o meno la propria vita privata rispetto al personaggio pubblico che rappresenta. Il coraggio o la vigliaccheria esulano da questo. Si tratta invece di avere il diritto di difendere la propria sfera privata dall’assalto dell’industria del gossip. L’attrice Jodie Foster non ne ha bisogno per ricevere delle offerte di lavoro; la persona Jodie Foster ritiene che sia più giusto non coinvolgere i suoi affetti nel caotico mondo dello show business. Legittimo e a mio modo di vedere apprezzabile. Punto e a capo.

      • AFMcrime scrive:

        Io alla lista vorrei aggiungere il nome di un ex governatore di regione che sono un tot di anni che convive con un compagno, ama la bella vita e il lusso, è vanesio e supponente, e si veste in modi stravaganti, appariscenti e decisamente inadatti per uno della sua età. Se non fosse un lurido ciellino, tutto il fottuto piaentà lo chiamerenne gay, a parte quelli della sua parte politico-culturale-religiosa che lo chiamerebbero frocio. Che sia questo il segreto che Albertini minaccia di rivelare?

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    Metodo Stamina - Audizione del prof. Davide Vannoni presso il comitato scientifico dell' ISS

    Stamina e i «pazienti trattati come cavie»

    8:29 Minacce ai familiari, hostess attrici al posto delle infermiere, un «affare milionario» sulla pelle dei pazienti. Questo è quanto emerge dalle indagini della Procura di Torino, ieri concluse. Venti gli indagati, compresi Vannoni, Andolina. Alcuni medici pentiti: «Ci vergogniamo» CONTINUA