|

L’uomo più grasso del mondo ora è come uno Shar Pei

Paul Mason ha perso senza troppi rimpianti il suo difficile primato: quello di essere l’uomo più grasso del mondo. Ma, ora che ha perso peso, la sua vita non è ancora quella di  un uomo normale e i suoi problemi non sono finiti. L’uomo infatti, un 51enne di Ipswich, in Inghilterra, vuole sottoporsi a un intervento chirurgico per liberarsi della pelle in eccesso dopo il suo dimagrimento.

Guarda le foto:

INTERVENTO RISOLUTORE – È il Daily Mail a raccontare la storia di Paul che, fino a non molto tempo fa, pesava oltre 44o chilogrammi. Per poter essere portato all’ospedale, l’uomo ha dovuto ricorrere all’intervento dei pompieri che hanno demolito parte della facciata della sua casa e installato una gru per poterlo sollevare. Mason si è sottoposto a un intervento di bendaggio gastrico e il suo peso è progressivamente calato fino a raggiungere i 158 chilogrammi.

 

LEGGI ANCHE: Le dieci diete più assurde del 2012

 

PELLE IN ECCESSO – Ma i problemi di Paul non sono finiti, perché la pelle in eccesso, svuotata dal grasso, costituisce un vero e proprio tormento. “La pelle dietro le ginocchia si strappa a causa del suo stesso peso” – racconta l’uomo, che sta per pubblicare un libro sulla sua esperienza Ma per liberarsi della sua pelle, Paul dovrà pazientare ancora: L’intervento non può essere eseguito fino a quando il suo peso non si sarà stabilizzato per almeno un paio di anni.

20.000 CALORIE AL GIORNO – Paul ha iniziato a soffrire di disordini alimentari intorno ai vent’anni, subito dopo la morte del padre e all’inizio della malattia della madre. Era in grado di mangiare anche 40 pacchetti di patatine ogni giorno, porzioni quadruple di fish and chips, salsicce, pizza e kebab per un totale di 20.000 calorie. L’intervento e un regime alimentare adeguato, gli hanno salvato la vita. “Ora mi muovo molto di più e non ho più bisogno di una carrozzina. Ho un lavoro normale. – conclude Paul – Quando riesci a riprendere il controllo della tua vita vuoi vedere le cose da una nuova prospettiva”.

 

LEGGI ANCHE: