|

La bestia misteriosa del Borneo

Aris Kuna è un contadino del Borneo di 75 anni. Nonostante conosca perfettamente le piante e gli animali della sua terra, la sua esperienza non gli è stata di nessun aiuto quando si è trovato davanti a un animale del tutto ignoto che, tra l’altro, non sembrava avere intenzioni pacifiche. Ne parla Mashable, che cita un articolo del The Borneo Post pubblicato lo scorso 15 novembre.

METÀ ORSO E METÀ CINGHIALE – L’uomo ha raccontato che mentre si trovava nel suo orto ha sentito uno strano fruscio, come di un animale che corre ma, quando si è voltato, non ha saputo dare un nome alla creatura che gli stava davanti. Lo strano incontro si è ripetuto una seconda volta, e con lui c’era un altro uomo. L’animale è stato descritto come “qualcosa a metà tra un orso e un cinghiale”, lungo poco più di mezzo metro, con un muso lungo da maiale e lunghi artigli appuntiti. Aris non ci ha pensato due volte: ha agguantato la falce e ha ucciso la creatura che – ricorda – puzzava parecchio e ha continuato a emanare a lungo un insopportabile odore.

 

LEGGI ANCHE: I maniaci del gatto nel microonde

 

UNA SPECIE SCONOSCIUTA? – Benché tutti gli indizi sembrino provare che si tratti proprio di una nuova specie animale, Sharon Hill, una giornalista di DoubtfulNews.com ha guardato le foto e ha dichiarato che si tratterebbe di un esemplare di “tasso urlatore”, un mammifero della famiglia dei tassi indonesiani, che sarebbe tipico della regione dei due contadini attaccati. Non ci si spiega però, come sua possibile che i due contadini non siano riusciti ad identificare la creatura, nonostante si tratti di un animale prevalentemente notturno che tende ad evitare il contatto con gli esseri umani.

MOSTRI O PROCIONI? – Tasso urlatore o no, conclude Mashable, l’episodio ricorda alcuni fatti accaduti negli Stati Uniti: in più di un’occasione, infatti, sono state ritrovate carcasse di opossum e procioni scambiati per terrificanti e misteriosi “mostri”.

 

LEGGI ANCHE: