Trenta soluzioni “furbe” per vivere meglio

16/11/2012 - di

Trenta soluzioni “furbe” per vivere meglio <1>

Tutte le foto <1>

Trenta soluzioni “furbe” per vivere meglio

Vedi foto

    SCOPRI >>

    Quando si rompe qualcosa, il progresso insegna a buttare e a comprare di nuovo ma c’è ancora qualcuno che si impegna per trovare soluzioni alternative, anzi, piuttosto originali. Eccone alcune a cui non avremmo mai pensato prima.

    guarda le immagini:

    (Photo Credit/The Chive)

    2 Commenti

    1. Gabriele scrive:

      Dovete per forza pubblicare articoli così inutili? Vi seguo tramite un lettore di rss, ma con tutta questa spazzatura che postate perdo solo tempo e sto pensando di eliminarvi dai feed.
      Pensate più alla qualità che alla quantità.
      grazie

    2. Mah.. scrive:

      Un consiglio all’arcangelo,non hai tempo per vedere queste cose “inutili”,hai però il tempo di commentare e fare polemica sterile,ma fatti una risata ogni tanto invece di rompere i maroni

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    Mercato Luce e Gas, tutto quello che devi sapere

    Mercato luce e gas, tutto quello che devi sapere

    16:55 Differenza tra distributori e venditori, pregi e difetti del mercato libero e del servizio a maggior tutela, condizioni per il cambio di un operatore, qualità del servizio ed indennizzi relativi. Alla scoperta del mercato luce e gas CONTINUA

    Sergio Chiamparino, candidato governatore della Regione Piemonte per il Partito Democratico (Lapresse)

    Firme false, il caso Piemonte: Chiamparino e quella legislatura a rischio

    15:12 Dopo il precedente Cota, anche il governatore dem costretto a fare i conti con il ricorso al Tar, presentato dalla Lega e accolto dai giudici, per le presunte irregolarità sulle liste. Ma l'ex sindaco non intende lasciarsi logorare, pronto alle dimissioni se emergessero responsabilità. Tutto dipenderà dal verdetto del Tribunale amministrativo: il 9 luglio o qualche mese dopo. Sullo sfondo, la faida interna tra le anime del renzismo piemontese, fassiniani e cattodem CONTINUA