Chi è l’agente che ha inguaiato David Petraeus

15/11/2012 - di

L'"agente senza maglietta" si chiama Frederick Humphries

Chi è l'agente che ha inguaiato David Petraeus

E’ stata rivelata l’identità dell’agente dell’Fbi che ha inguaiato il generale David Petraeus, dando il via all’indagine interna che ha portato alle dimissioni del capo della Cia: si chiama  Frederick Humphries, è un veterano dell’antiterrorismo all’Fbi, ha fama di conservatore e di agente fedele fino “all’ossessione” a tutti i dossier che ha sottomano.

 

LEGGI ANCHE:  La scappatella di Petraeus e i documenti top secret Usa

 

AGENTE SENZAMAGLIETTA - Una personalità “tendente alla violenza”, per vero; finora è stato conosciuto come “l’agente Senzamaglietta” perché avrebbe mandato a Jill Kelley, la terza donna dello scandalo Petraeus; quella che ha ricevuto da Paula Broadwell, amante del generale, le mail di minaccia in cui le si intimava di stare alla larga da Petraeus; le avrebbe mandato, dicevamo, una foto a torso nudo.

 

Anche se, ammettendo di essere effettivamente lui l’agente coinvolto nello scandalo Petraeus, ha raccontato – lo riporta il Daily Mail – che la foto era “uno scherzo” e non certo una provocazione sessuale, e che comunque risale a tantissimo tempo fa, ben prima dello scandalo Petraeus.

CONTATTATO - L’agente era rimasto infatuato di Jill Kelley e ci si era messo in contatto tempo fa, racconta il Guardian; quando la Broadwell ha iniziato a molestarla, lei si è rivolta al vecchio amico nell’intelligence girandole le mail di minaccia che dalla Broadwell; lui, allora, ha attivato il gruppo repubblicano al Congresso, e il capogruppo ha immediatamente contattato il direttore dell’Fbi avvisandolo del dossier, capitato in questa maniera un po’ “informale” nelle disponibilità di un suo agente . Lui si è così subito attivato, anche se attualmente gli è stato ordinato di “stare alla larga dal caso Petraeus”, che non rientra nei suoi doveri d’uffico a causa dei suoi “stretti collegamenti” con la Kelley. Viene definito “un bulldog” che “non molla l’osso una volta che sta dietro ad una storia” particolare, così lo definiscono i colleghi: “E’ un po’ un tipo ossessivo”, continuano.

CHI E’ - Ha un precedente importante: ha ucciso, in borghese, un veterano dell’esercito “che stava tentando di scappare dalla base in cui era di stanza dopo aver litigato con gli ufficiali. L’agente è stato sollevato da ogni responsabilità perché le sue azioni sono state ritenute “all’interno delle prerogative della forza di polizia letale dell’Fbi”. Secondo il New York Times Humphries avrebbe giocato “un ruolo chiave nella gestione di un tentato attacco terroristico all’aeroporto di Los Angeles nel 1999; lui e la moglie sono amici di famiglia con Jill Kelley da tempo, prima di questa vicenda”.

 

LEGGI ANCHE: 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

467920830

BULGARIA-ITALIA 2-2: pareggio in rimonta, Eder salva Conte

20:04 Qualficazioni Euro 2016, azzurri irriconoscibili per larghi tratti del match: in vantaggio con un autorete di Minev, si fanno riprendere e superare dai padroni di casa a segno con Popov e Micanski. Il pareggio arriva solo a 6 minuti dalla fine con un gran gol dell'oriundo della Sampdoria CONTINUA

Mercato Luce e Gas, tutto quello che devi sapere

Mercato luce e gas, tutto quello che devi sapere

16:55 Differenza tra distributori e venditori, pregi e difetti del mercato libero e del servizio a maggior tutela, condizioni per il cambio di un operatore, qualità del servizio ed indennizzi relativi. Alla scoperta del mercato luce e gas CONTINUA

Sergio Chiamparino, candidato governatore della Regione Piemonte per il Partito Democratico (Lapresse)

Firme false, il caso Piemonte: Chiamparino e quella legislatura a rischio

15:12 Dopo il precedente Cota, anche il governatore dem costretto a fare i conti con il ricorso al Tar, presentato dalla Lega e accolto dai giudici, per le presunte irregolarità sulle liste. Ma l'ex sindaco non intende lasciarsi logorare, pronto alle dimissioni se emergessero responsabilità. Tutto dipenderà dal verdetto del Tribunale amministrativo: il 9 luglio o qualche mese dopo. Sullo sfondo, la faida interna tra le anime del renzismo piemontese, fassiniani e cattodem CONTINUA