|

“Ti denuncio perché sei troppo brutta e io non lo sapevo”

La famiglia Feng decide di avere una figlia ma quando nasce è talmente “brutta” che il padre rifiuta di accettarla e chiede il test del DNA: il risultato è l’amara ciliegina sulla torta che sconvolgerà per sempre la loro vita.

LEGGI ANCHE: “Ariel si è rifatta!” – Foto

LA STORIA – La storia che arriva dalla Cina ha per protagonista il lieto arrivo del primo figlio: una femminuccia che però non riceve esattamente l’accoglienza che ci si aspetta perché ritenuta troppo “brutta”. Jian Feng è sconvolto dall’aspetto della bambina, al punto che arriva a chiedere il test del DNA perché “quella non può essere sua figlia”, racconta la Bild.

IL TEST – Il test accerta la paternità: la bambina è figlia naturale della coppia. E allora cosa è successo? La madre non riesce più a mantenere il segreto e confessa: ha subito operazioni di chirurgia plastica per una spesa di 80 mila euro prima di conoscere Jian. Feng non tollera la bugia e decide di intraprendere un percorso legale e denuncia la moglie: “Ho sposato mia moglie per amore ma, dopo la nascita di nostra figlia, abbiamo iniziato ad avere problemi coniugali: era talmente brutta che mi ha scioccato” ha commentato l’uomo.

LA DENUNCIA – L’ex signora Feng ha subito vari interventi, spendendo una cifra importante: quasi la stessa che adesso dovrà versare al marito che ha vinto la causa. Il giudice ha accolto la richiesta e la donna deve risarcire l’uomo versando 100 mila euro. Insomma, adesso la bambina crescerà senza padre perché non rispetta i canoni estetici giusti?

 

LEGGI ANCHE: