|

Harvest moon: la notte della luna piena e del raccolto

Il plenilunio che arriva dopo l’equinozio d’autunno prende il nome di Harvest Moon, luna del raccolto. Alle 5:19 arriverà di fronte al Sole ma stasera potete già guardare fuori dalla finestra.

LEGGI ANCHE: Lo spettacolo della luna blu

IL CASO – L’Harvest Moon, oltre ad essere un fenomeno tutto da osservare, permette agli agricoltori di proseguire a lavorare fino a notte fonda. Si può chiamare anche Corn Moon, Luna del mais e Barley moon, luna dell’orzo.

 

IL PASSAGGIO – La luna piena temporalmente più vicina all’equinozio d’autunno è quella del raccolto. “Equinozio” viene da “equi-noctis” che in latino significa “notte uguale al giorno”, l’affermazione arriva dal fattore illuminazione che resta stabile mezz’ora prima dell’alba e mezz’ora dopo il tramonto: e lo scorso 22 settembre si è iniziato a raccogliere quanto seminato.

LUNA LUMINOSA – “La luna può sembrare più grande e più luminosa del solito ma non è così, è solo un’illusione creata dalla distanza” rivela David DeVorkin di Air and Space Museum di Washington e ancora: “La luna del raccolto può anche sembrare tendente al rosso ma dipende da dove la si guarda”. La luna dovrebbe sorgere con un ritardo di quasi un’ora rispetto al giorno precedente ma con l’Harvest Moon l’anticipo diventa ancora più breve anche di 20, 30 minuti. Gli agricoltori conoscono bene questo periodo dell’anno perché, aiutati dall’illuminazione della luna, potevano continuare a lavorare nei campi.

IL PARERE – “Si fa un po’ confusione in merito al fenomeno dell’Harvest Moon – dice lo studioso Bob Berman -, il suo comportamento non è molto diverso da quello di ogni altra luna piena. Certo, per tre giorni di fila a partire da sabato, la luna piena sorgerà subito dopo il tramonto e questo porterà una maggiore illuminazione. È questa la particolarità che aiutava i braccianti a prolungare l’orario di lavoro”. Chi apprezza le meraviglie del cielo non può perdersi la luna dei cacciatori (Hunter’s Moon), prevista per il prossimo 29 ottobre: un’altra luna particolarmente luminosa che si chiama così perché permette ai cacciatori di non farsi sfuggire le prede.

 

 

LEGGI ANCHE:

(Photo Credit/Getty Images)