|

Le 200 foto di Kate che si cambia le mutande del bikini

Dopo le foto in topless uscite sul settimanale Closer, ora è la rivista di gossip danese “Se Og Hor” a pubblicare gli scatti che ritraggono Kate Middleton mentre si cambia le mutande del costume da bagno.

ORA E’ IL TURNO DELLA DANIMARCA – “Se Og Hor” “si è spinta oltre rispetto a ogni altro giornale e ha pubblicato uno speciale di 16 pagine di fotografie, tra cui tre della Duchessa di Cambridge che si cambia le mutande del bikini, scattate frontalmente”, ha scritto oggi il Daily Mail. Si tratta delle stesse fotografie scattate durante le vacanze del Principe William e della moglie nel sud della Francia, pubblicate da Closer, oggi sotto inchiesta. Si stima siano oltre 200 gli scatti.

L’INGIUNZIONE FRANCESE – Se il Palazzo reale ha fatto sapere di voler valutare l’ipotesi di un’azione legale, il direttore della rivista danese, Kim Henningsen, ha difeso il suo diritto a pubblicare gli scatti: “Sono fotografie uniche di una delle massime personalità. E’ il mio lavoro pubblicarle”. Vedremo ora quale sarà la risposta della famiglia reale. Ricordiamo che William e Kate hanno ottenuto un’ingiunzione in Francia per bloccare la pubblicazione delle immagini di Closer, dietro la minaccia di una multa di centomila euro.

 

LEGGI ANCHE: Tutte le vignette su Kate Middleton nuda – Foto

 

ATTENTI AL MONDO – Il giornale si è anche trovato costretto a consegnare le copie delle fotografie incriminate, con la coppia che ha lamentato un’indebita invasione della privacy. Tuttavia la Corte ha protetto il nome del fotografo in base a quella che è la legge francese sulla tutela delle fonti, anche se il fotografo francese Pascal Rostain ha rivelato che si tratta di un collega inglese il quale ha ottenuto per il suo scoop solo la paga base. Purtroppo per William e Kate, tale ingiunzione avrà evidentemente effetto solo per la legge francese, mentre il resto del mondo potrà diffondere come vuole queste immagini, come dimostrate dalla pubblicazione in Italia ed Irlanda. Kate, la prossima volta stai più attenta.

LEGGI ANCHE: