Mastella accusa il Pd di aver truccato le primarie 2005

clemente mastella selvaggia lucarelli

Date un assessorato a quest'uomo prima che cominci a insultare i parenti, per piacere

‘Renzi deve stare attento e ottenere garanzie precise sullo svolgimento neutrale delle primarie. Anche se un po’ appassito, l’apparato ex Ds funziona ancora e cerchera’ di blindare il segretario’. Cosi’ Clemente Mastella, che in un’intervista al Giornale parla di pratiche scorrette avvenute durante le primarie del 2005.

IL MIRACOLO DI PRODI - I 4,3 milioni di votanti sono stati ‘un miracolo, di cui Prodi aveva bisogno per una legittimazione popolare. In Emilia – afferma Mastella – mettevano una cinquantina di anziani iscritti ai Ds su un pullman e li scorrazzavano in giro per i piccoli Comuni, portandoli ai seggi e chiedendo di farli votare come pensionati in trasferta. Otto, nove, dieci volte. A Firenze – prosegue il leader dell’Udeur – c’erano extracomunitari che votavano a ripetizione, a Roma trovarono pacchi di schede gia’ pronte col nome di Prodi, e a a Ceppaloni le schede finirono a meta’ giornata: ne avevano mandato solo mille, mentre almeno il doppio di cittadini voleva votare per me’. Per Mastella ‘se Matteo Renzi fosse candidato alle elezioni politiche del 2013, vincerebbe di sicuro. Sfonderebbe al centro e pure a destra, oltre che a sinistra. E proprio per questo probabilmente perdera’ le primarie’. (ANSA).

LEGGI ANCHE: Aiuto! Mastella minaccia cose orribili nei confronti di tutti!