“Stanno per arrestare il direttore del Giornale”

Il Giornale abbandona il caso dei fondi del Pdl Lazio per dedicare l'apertura ad una vicenda giudiziaria che riguarda il proprio direttore. Alessandro Sallusti rischia il carcere per un articolo pubblicato quando dirigeva Libero. La sentenza definitiva della Cassazione arriverà il 26 settembre. Ne Parla Vittorio Feltri: "Vi racconto ciò che sta per accadere: il nostro direttore responsabile, Alessandro Sallusti, è sul punto di essere arrestato. Ha ucciso un persona, premeditando il delitto? Ha rapinato una banca? Ha violentato una bambina? Ha scritto un articolo contro Gesù o contro Maometto? Nossignori. Nel 2007, in quanto gerente di Libero, aveva la responsabilità oggettiva di quanto quel quotidiano pubblicava. Poiché un dì vennero stampati sul medesimo foglio un pezzo e un commento su una vicenda giudiziaria, nei qualiera citato un giudice tutelare, Giuseppe Cocilovo, questi, ritenendosi diffamato, sporse querela. Il commento in questione non era stato vergato da Sallusti, ma da un altro autore che lo aveva firmato con uno pseudonimo. Non importa. La legge considera responsabile di ogni riga storta (uscita sul giornale) il direttore. II quale pertanto è stato processato a sua insaputa. Perché a sua insaputa? L'avvocato dell'azienda editoriale si era distratto e non aveva tutelato l'imputato. Che, in primo grado, fu condannato a una pena pecuniaria: 5 mila euro. Routine. Si paga, di solito, e buonanotte. lncidenti di percorso. La sentenza però fu appellata dalla parte lesa. Trascorre un po' di tempo e si celebra il processo di secondo grado, ancora senza l'avvocato di fiducia, assente ingiustificato: ha disertato l'aula per smemoratezza o altro, non si sa; lui non è più rintracciabile. Automaticamente, gli subentra un legale d'ufficio che forse non si prende molto a cuorela storia, cosicché il verdetto é micidiale".