Magdi Allam ha sbroccato

03/02/2010 - di

Magdi Cristiano Allam parte a mani nude all’assalto della Basilicata. L’ex giornalista e vicedirettore del Corriere della Sera non ha evidentemente digerito la boutade della settimana scorsa, quando durante un vertice del PdL si era fatto il suo nome come

Magdi Cristiano Allam parte a mani nude all’assalto della Basilicata. L’ex giornalista e vicedirettore del Corriere della Sera non ha evidentemente digerito la boutade della settimana scorsa, quando durante un vertice del PdL si era fatto il suo nome come candidato alla Regione, così come quello di Attilio Romita del Tg1 per la Puglia: una chiara boutade, alla quale però Allam ha creduto davvero: ha subito lasciato l’Udc, che lo aveva portato al parlamento europeo, e si è messo a disposizione di Berlusconi. Il quale però ha cambiato idea qualche ora dopo, decidendo di puntare su Nicola Pagliuca, capogruppo del partito in regione; nel frattempo, persino il Secolo d’Italia aveva ironizzato con un titolo – “Ci mancava l’egiziano in Basilicata” – che Magdi Cristiano aveva bollato come razzista.

A quel punto, Allam ha sbroccato, come si dice a Roma. Si è messo in testa che quella regione doveva essere sua, costi quel che costi. Ha scritto una “Lettera al popolo lucano” nel quale ha annunciato la sua candidatura: correrà da solo, perché glielo chiede la Storia, “assumendo la missione di riscatto del popolo lucano da una profonda ingiustizia che lo costringe a vivere povero e umiliato in casa propria, voglio innanzitutto chiarire la ragione per cui oggi sono qui insieme a voi, determinato a mettermi al servizio della vostra causa che ormai mi appartiene totalmente al punto da considerarla la mia causa, che diventa la nostra causa comune“. Non solo: ha affiancato al suo movimento-sito “Io amo l’Italia” un’altra creazione, “Io amo la Lucania”, dal quale ha fatto partire un appello ai lucani “credenti nella Verità e amanti della Libertà” (manca solo la Bellezza e siamo in pieno Moulin Rouge), farcito di vignette orribili e di articoli di giornali locali tra cui troneggia quello che racconta il suo sfigatissimo esordio nella ormai “sua” Potenza (i microfoni non funzionavano) e parla di Allam come “il Barack Obama della Basilicata“.

Cari Lucani credenti nella Verità e amanti della Libertà, inizio questa missione insieme a tutti voi sentendomi pienamente a casa mia. Il vostro affetto e la vostra fraternità mi hanno subito conquistato. Prenderò casa qui in mezzo a voi e condividerò con voi tutto il percorso che prima o dopo ci donerà la Verità e la Libertà, consentendoci finalmente di essere pienamente noi stessi a casa nostra“, delira in pieno assalto mistico mentre – ce lo immaginiamo – gira il Metaponto e tenta di aprire le acque del mar Ionio. E nel frattempo nel suo sito ospita commenti incensatori e qualche critica. Uno spettacolo nello spettacolo. Ma il massimo è rappresentato dall’immagine che Allam usa per il sito: “Ho deciso che la Lucania è la mia terra, e voi siete il mio popolo“, promette Magdi Cristiano ieratico, biblico e anche minaccioso nella foto. I lucani sono avvertiti: mo’ so’ cazzi vostri.

24 Commenti

  1. alfonso fuggetta scrive:

    è fin troppo facile ironizzare quando si dice la verità. come per la critica la verità diventa violenza,per l’ironia la verità diventa vaneggiamento.magdi allam dice semplicemente e ingenuamente la verità:quella che tutti ilucani conoscono e che i nostri tiranni censurano.

  2. Zamax scrive:

    Come al solito voi sottovalutate la sapienza insondabile e la potenza geometrica della Provvidenza Divina. Era scritto infatti che Cristo si fermasse ad Eboli, come fu testimoniato dal profeta Carlo Levi, di schiatta ebraica, per lasciar finire la missione a Cristiano Magdi Allam, primizia dei Mori cristiani, come fece Mosè con Giosuè al limitare della Terra promessa, ieri Canaan, oggi Lucania: cosa volete più dalla vita?

  3. Lucia scrive:

    Semplice curiosità: ma cosa c’entra Magdi Allam con la Basilicata? :)

    Bel pezzo Alessandro, mi ha fatto ridere!

  4. Giacomo scrive:

    La verità è che la candidatura di Magdi Allam “rode” sia alla destra che alla sinistra mentre è invece vista come l’ultima spiaggia dalle migliaia di Lucani che da anni votano turandosi il naso o non votano affatto. Appuntamento su questo spazio il 30 marzo per verificare insieme il grande risultato che otterrà Magdi.

    • Gregorj scrive:

      va bene: mi segno la tua mail, onde evitare che nel caso di “non grande” vittoria ti dimenticassi di passare.

    • Signor Frank scrive:

      Sarei curioso di conoscere i temi della campagna elettorale di Allam; certo che è un peccato che ai lucani dello scontro di civiltà non gliene fotta un cazzo visto che gira che ti rigira il Magdi pastura sempre tra radici cristiane e islam brutto&cattivo, mentre gli indigeni di laggiù vorranno sapere piuttosto che fine hanno fatto i soldi per lo sviluppo della loro regione http://www.giornalettismo.com/archives/44769/fondi-fas-governo-regioni-c%E2%80%99e/ che invece di essere usati per costruire o ammodernare le infrastrutture essenziali per lo sviluppo, costruzione di ferrovie e nuove strade bloccata dal governo (col quale Allam si va a schierare) per finanziare tutt’altro ma soprattutto altrove.

  5. Rolex 53 scrive:

    LUI ha deciso che la Lucania sarà la sua terra e i Lucani il suo popolo ? Ma i Lucani cosa ne pensano ? Chi si crede di essere, il Faraone Ramses II ? Lui decide ? Ma de che ? Ma de chi ?

  6. Lucano scrive:

    Signor Allam, Lei pensa che i Lucani credino ancora all’asino che vola.
    Vada a farsi…votare da qualche altra parte, grazie.

  7. Pingback: Cristiano « Arnaldo Gr

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

aula-camera-770x513

Legge di Stabilità, scontro sulla social card

17:07 Polemiche sulla conferma della carta acquisti agli immigrati regolari, Ncd chiede il ritiro dell'emendamento del governo. Ma il Mef precisa che non c'è alcuna estensione della misura: «Norme già in vigore. Nessun cambio criteri di accesso», precisando come sia solo una sanatoria CONTINUA