|

Frecciarossa-Italo, qual è il più veloce

E’ guerra tra Freccia Rossa e Italo sui tempi di percorrenza della linea Milano-Roma.
La prima mossa e’ stata dell’amministratore delegato di Ntv, il gestore di Italo, Giuseppe Sciarrone, che a margine della rassegna mondiale berlinese Innotrans ha lanciato il guanto della sfida a Trenitalia, in procinto di presentare il nuovo Freccia Rossa 1000, in grado di raggiungere una velocita’ commerciale di 360 Km/h equivalente ad una velocita’ di punta di 400 Km/h. Secondo Sciarrone Italo potrebbe gia’ percorrere la Milano Rogoredo-Roma Tiburtina in 2h e 20′, tempo che Moretti si propone di ridurre a ‘1h e 59” con il nuovo supertreno, mentre ora il Freccia Rossa impiega 2h e 40’.

NON RISPONDE – ‘Non rispondo a chi non e’ presente e sfrutta ogni occasione per intrufolarsi e fare azione di disturbo – ha detto l’ad delle Ferrovie Mario Moretti parlando ai piedi del modello in scala reale del nuovo supertreno alla fiera di Berlino – ma noi da Rogoredo a Tiburtina siamo in grado di impiegare 1h e 59” con il nuovo treno. Moretti ha poi rincarato la dose aggiungendo che Trenitalia presenta ‘il supertreno interoperabile piu’ veloce d’Europa’ che e’ frutto di ‘tecnologia italiana e c’e’ chi vuole buttare sabbia e cenere su questo lavoro, si chiamano Italo ma di italiano non hanno niente’.

LA NOTA UFFICIALE – A questo si e’ aggiunta una nota ufficiale di Rfi, la societa’ che gestisce l’infrastruttura ferroviaria ed e’ controllata da Ferrovie dello Stato secondo la quale ‘l’Union Internationale des Chemins de fer (UIC), l’organizzazione mondiale delle ferrovie, determina il tempo di viaggio (di Italo, ndr) fra Roma Tiburtina e Milano Rogoredo in 2 ore e 40 minuti’. Una polemica che pero’ secondo ambienti vicini a Ntv non ha ragione di esistere dato che lo stesso Sciarrone avrebbe semplicemente ‘chiesto di fare una prova’.

IL NUOVO SUPERTRENO – Al di la’ delle polemiche, pero’, il nuovo supertreno introdurra’ una tecnologia che non ha precedenti in campo ferroviario: sono i carrelli con ammortizzazione pneumatica denominati anche ‘flexxspeed’, ideati da Bombardier, che secondo Moretti conferiscono a Trenitalia un vantaggio sulla concorrenza. Sempre dalla fiera di Berlino, pero’, arriva il monito dell’Onlit, Osservatorio nazionale sulle liberalizzazioni sui trasporti che chiede di ‘fare un bilancio sull’alta velocita’ prima di acquistare nuovi treni’ alla luce anche del fatto che ‘i tedeschi hanno scelto di effettuare l’alta velocita’ a un limite massimo di 250 Km all’ora’. (ANSA)