|

Il senso di Antonello Venditti per la Calabria

Antonello Venditti cancella un concerto a Vibo Valentia. Per necessità, visto che una sua battuta di tre anni fa ha provocato una rivolta dei calabresi sul web. Ne parla il Corriere:

 

Tutto risale al 2009, quando su You- Tube appare un video girato in Sicilia a un concerto di Venditti dell’estate precedente. L’artista introduce un brano con un discorso sulle mille difficoltà dell’isola. Rincuora il pubblico dicendo che lì si sta molto meglio che oltre lo Stretto. «Perché Dio ha fatto la Calabria? Spero si faccia il ponte almeno la Calabria esisterà — dice —. Qualcuno deve fare qualcosa per la Calabria. Qui si trova la cultura, in Calabria non c’è veramente niente». Già all’epoca si erano scatenate le polemiche, con i politici locali in prima linea a difendere l’onore del territorio.

Venditti aveva chiesto «scusa a chi si è sentito offeso» in un’intervista alle «Iene». Aveva riparato alla gaffe spiegando che il suo bersaglio non era la Calabria e la sua gente in generale, ma quella parte che non combatte e accetta la presenza della criminalità organizzata:

Evidentemente non è stato sufficiente. I calabresi hanno la memoria lunga. Così nei giorni scorsi i vecchi rancori sono riaffiorati su internet. Con una campagna per fermare lo show. «Concerto di Venditti in Calabria? No grazie. La Calabria non si dimentica» era lo slogan che accompagnava una foto dell’artista sovrastata da una «x» rossa. E tanti commenti, a quel video su YouTube, sul profilo facebook di Venditti e su altri siti. Qualche insulto, qualcuno che si diceva offeso, e un «ti aspettano i pomodori».