Quel brav’uomo der Canaro… che squartò il suo aguzzino

La storia di una “povera vittima” del bullismo altrui che decide di vendicarsi. Orrendamente

“Cronaca Nera” ogni settimana si occuperà di ricordare quei casi che in passato hanno tenuto banco sui giornali e tra la gente perchè efferati, misteriosi o pieni di scandali e storie scabrose. E, magari, di vedere cosa si è scoperto di più, oggi.

«Ao, nun ridi più eh? Mo vojo vede’ come fai er coatto. ‘Namo su, damme du’ destri, a pugile!». Urla col cuore in gola Pietro. Là, impotente di fronte a lui, Giancarlo. «Daje, ripia a schiaffi er cane. Come, nun je la fai? Me fai schifo!». Lo sputo lo colpisce in faccia, un centimetro appena sotto l’occhio. Come è finito in questa situazione, Giancarlo ancora non l’ha capito. O meglio, l’ha capito eccome, ma non se ne capacita. Lui, “er più dritto della Magliana” come lo chiamano tutti, rinchiuso dentro una gabbia da Pietro. Dar canaro. Questa sì che è divertente, penserebbe in un’altra occasione. Adesso no. Adesso la testa gli sta scoppiando e Pietro continua a colpirla col bastone. Adesso, l’unica cosa che pensa è quanto potrà resistere prima di svenire. Poco spera. Poco. E quando arriva il colpo, il buio cala. Ma solo per un attimo.

PREMONIZIONI - Che sarebbe stata una mattinata storta, Giancarlo lo aveva capito da subito. Com’era sceso dal letto la madre aveva cominciato con una tarantella delle sue: «Mo’ che hai trovato er posto la devi smette de spaccia’. Nun poi continua a fa ‘sta vita, c’hai quasi trent’anni Gianca’: tu padre all’età tua già c’aveva un fijo. Te capisco, fa’ er netturbino nun è er massimo, ma vedrai che te sistemi: trovi ‘na bella regazzetta e te ce sposi». E così di questo passo. Sembrava un disco rotto. E quella mattina proprio non ce la faceva a sentirla. Sarà che aveva ancora gli schizzi di cocaina che gli salivano al cervello. Per cui fece l’unica cosa sensata: prese e uscì di casa. Senza nemmeno aspettare il caffè. E sì che per lui uscire di casa senza il caffè era una cosa inimmaginabile: come il Tevere senza i ponti, la carbonara senza guanciale. Inimmaginabile, appunto. A questo punto, se voleva dare una svolta alla giornata, pensò, c’era solo una cosa da fare: passare da Pietro a sentire quello che voleva, dato che la sera lo aveva chiamato tutto agitato, sfotterlo un po’, mollargli un paio di sani cazzotti in faccia, e tanti saluti. Sì, non c’era alternativa. Prima però c’era la faccenda del tossico da sistemare. Erano due giorni che gli doveva portare la roba. Difatti stava davanti al bar ad aspettarlo. Di bersi un caffè in santa pace non c’era verso. Conveniva fare un giro unico: farsi accompagnare dal tossico, passare da Pietro, poi andare a prendere la roba. Non c’era altra soluzione: il caffè doveva aspettare.

QUESTIONE D’ONORE - Anche perché per Giancarlo il primo caffè era come un rito composto da tanti passaggi. C’erano i lenti sorseggi che facevano accendere i sensi piano piano. La prima boccata di sigarettae il pigro risvegliarsi dell’intestino. Il giornale con i fatti ormai vecchi, di cui la televisione accesa dava oramai un’altra versione. E, infine, il bagno: la prima soddisfazione della mattina. Per cui di prendere il caffè qui, in piedi, al bar, non se ne parlava proprio. Uno scatto, una parola, e già è dentro la Giulietta con il tossico. Direzione: il negozio di Pietro. Che poi chiamarlo negozio era un’offesa a tutti gli altri della zona. Una toilette per cani aveva messo su quel deficiente. Chissà come gli era venuto in mente, si domandò. Ma la risposta se l’era già data: era un deficiente. Punto sul quale non c’erano dubbi. Cos’è che gli aveva detto quand’era uscito? Che voleva la sua parte! La sua parte, incredibile! Pure le pulci c’hanno la tosse, aveva pensato Giancarlo in quell’occasione. Poi erano state botte. Tante botte. E sì che, in fin dei conti, Pietro c’aveva ragione. Gli aveva dato le chiavi del “negozio” senza fare un fiato. E quando i carabinieri era andati a prenderlo, non una parola era volata. Altro che scemi: come avevano visto il buco nel negozio svaligiato avevano sospettato subito al proprietario di quello accanto. Poco importa se l’alibi era vero e Pietro stava in Ciociaria: il piano prevedeva un complice, gli dissero, tanto valeva che parlasse perché tanto dentro sarebbe finito lo stesso. Ma Pietro era stato irremovibile: la spia la fanno gli infami. E lui tutto era tranne che quello. Peccato, però, che quando andò da Giancarlo, dopo dieci mesi di prigione, per battere cassa e prendere la metà del bottino, cinquanta milioni, rimediò solo tante mazzate.

ENTRAPMENT - Pure le pulci c’hanno la tosse, aveva pensato Giancarlo in quell’occasione. E quanto si era divertito mentre gli menava. Adesso al solo pensiero sentiva fremere le nocchie. Fortuna che erano arrivati. Come scende Giancarlo capisce subito che c’è qualcosa di strano nell’aria. Pietro è agitato, nervoso, si muove a scatti. Continua a parlare a raffica e si gira a destra e a sinistra stando attento a che nessuno lo veda. «C’ho ‘na grande occasione», dice Pietro. «Sta arriva’ ‘no spacciatore: me deve porta cento grammi de cocaina. Mo te fai ‘na bella cosa: te nascondi qua dentro», dice indicando una gabbia per cani minuscola, sufficiente a malapena a contenerlo, «e come arriva esci fori e lo ammazzi de botte, così se piamo la roba. Però stavorta steccamo, se no nun se fa niente!». Steccamo, steccamo, come no, pensa Giancarlo. E senza pensarci due volte, senza sospettare niente, entra nella gabbia. Nemmeno quando sente il chiavistello chiudersi alle spalle realizza quello che sta succedendo. Solo quando la faccia gli diventa rovente e gli occhi iniziano a bruciare come le fiamme dell’inferno Giancarlo capisce che quello che gli ha tirato in faccia Pietro è benzina. E quella una trappola. Sì, non c’è che dire, questa giornata è cominciata proprio male, pensa Giancarlo. Ma a spaventarlo non è tanto la situazione in cui si trova: chiuso dentro una gabbia minuscola, la faccia ustionata dal fuoco e la testa ridotta a un ammasso di sangue. A spaventarlo, o meglio, a terrorizzarlo, è lui: il Canaro. Non l’ha mai visto così: ha gli occhi che sembrano uscirgli dalle orbite, parla in tono rabbioso dicendo cose sconnesse e si muove a scatti. Ma non è nemmeno tanto questo, quanto quello che capisce sta avvenendo. Il Canaro si sta per vendicare di anni e anni di soprusi. Si sta per vendicare di tutte le centinaia di botte che gli ha dato. Di tutti i soldi che gli ha fregato. Di ogni abuso che gli ha fatto. Prova a urlare Giancarlo, ma sa che nessuno lo sentirà. Lo stereo di Pietro è troppo alto. Questo sì che è uno buono, non come quello che gli ho preso l’altra volta, pensa per un secondo. Poi ripiomba nel terrore: si è fatto dare duecento carte per ridarglielo: ne ha di cose di cui vendicarsi Pietro. Ne ha infinite di cose. In un impeto di forza Giancarlo riesce a sfondare la rete della gabbia. Pietro non si lascia sorprendere. Il bastone lo colpisce come un maglio. Una, due, tre, quattro volte. Poi smette di contare e sviene.

Tag: