|

La vecchietta che ridipinge (e rovina) l’affresco

Non che valesse moltissimo, ma l'”Ecce Homo” di Elías García Martínez, pittore del 19mo secolo che lo dipinse nella cittadina di Borja, regione spagnola di Saragozza, era proprio messo male: seriamente rovinato, era praticamente sbiancato. E così, una donna locale ha deciso di prendere la situazione in mano.

 

LEGGI ANCHE: Quando l’arte sfida il regime

 

RESTAURO AUTOGESTITO – “Non sopportavo più di vederlo in quelle condizioni”, ha raccontato poi l’anonima ottuagenaria che spinta da spirito nobile ha deciso di ridipingere da sola l’affresco. Solo che le sue mani non erano abili come quelle del pittore, e ha fatto un po’ un pasticcio: ora il quadro è davvero irriconoscibile e Gesù sembra un’opera postmoderna, “un riccio con le guance gonfie” secondo la ingenerosa definizione del Guardian. C’è chi segnala come, questa volta, la vita abbia davvero preso spunto dal film di Mr Bean, in cui Rowan Atkinson distrugge “la madre di James Whistler”, dipinto inglese del 1800.

UN BEL DANNO – L’Ecce Homo di Martinez era ,come dicevamo, di scarso valore, ma per le persone di Borja aveva una valenza sentimentale “importante”, secondo i media: “Secondo l’Araldo di Aragona, il danno inflitto sul murale nella chiesa del Santuario della Misericordia è sotto esame degli esperti, mentre i discendenti dell’artista si dicono ‘non molto felici’ dell’iniziativa della cittadina” che per una collaboratrice del sindaco era certamente animata da “buone intenzioni”, anche se ha causato un danno. L’opera è l’unica rimasta in città dipinta dall’artista, originario proprio di Borja, e i cui discendenti vivono ancora sul posto: “Non sappiamo se questo danno possa essere recuperato”, scrive il centro culturale cittadino, “ma non c’è dubbio che bisognerà fare qualcosa”.

 

LEGGI ANCHE: