|

“Hai l’accento sardo? Allora niente film”

Rocco Papaleo è alla ricerca di comparse per il suo film “Una piccola impresa meridionale”, una commedia che sarà girata a Cabras, Oristano, ma non vuole che vengano scritturati attori dall’accento sardo. Un dettaglio, quest’ultimo, che ha scatenato l’indignazione degli utenti dei social network intenzionati a partecipare alle selezioni.

 

LEGGI ANCHE: Ecco il documentario di Spike Lee su Michael Jackson

 

NO ALL’INFLESSIONE SARDA – “Ma perché non l’hanno girato in Puglia?”, si chiedono gli internauti. Del piccolo caso parla L’Unione Sarda in un articolo a firma di Sara Pinna:

Il grande schermo i sardi non se lo meritano. Questione di accento, visto che Rocco Papaleo non gradisce né attori né comparse con inflessione campidanese. A Cabras, dove notoriamente non parlano con cadenza anglofona, sono tutti delusi. E a pochi giorni dall’inizio dei casting per “Una piccola impresa meridionale”, il film che l’attore lucano ha deciso di girare nel Sinis, scoppia questa curiosa polemica. Chi voleva tentare la fortuna come attore, dunque, ci ha già ripensato. I requisiti che la produzione richiede per la “scrittura” delle comparse e degli attori non professionisti, sono lontano anni luce dalle caratteristiche che contraddistinguono i sardi. Per il film, una commedia dal sapore teatrale che verrà girata dal 27 agosto al 13 ottobre ai piedi del faro di Capo San Marco, il regista ha richiesto solo attori senza accento sardo. O, perlomeno, con un inflessione poco marcata.

GLI ATTORI MANCANTI – I produttori della pellicola cercano una donna dai trent’anni in su, un bambino tra i 9 e i 12 anni e una coppia tra i 35 e i 50 anni. Continua Pinna su L’Unione Sarda:

La casa di produzione, la Paco cinematografica, cerca una donna dai 30 anni in su, alta almeno un metro e ottanta. E anche per questo i sardi, anzi le sarde, si sentono offese. L’attrice che dovrà vestire i panni di un’assistente sociale non potrà essere selezionata di certo nell’Isola. L’altro motivo di una discussione, che da ieri infiamma i social network, è la ricerca di un bambino tra i 9 e i 12 anni, senza il solito e poco gradevole accento sardo, ma del Sud Italia che dovrà cimentarsi nel ruolo dello studente. Non solo: la produzione del film di Rocco Papaleo va a caccia anche di un uomo e una donna, tra i 35 e i 50 anni, con accento neutro o continentale per rappresentare il ruolo di due insegnanti. A questo punto sorge un dubbio: cosa c’entra la Sardegna con questo film?

LA PROTESTA – Sul web c’è chi ironizza e dice: “Papaleo è venuto in Sardegna a cercare i watussi?”. Qualcuno si proprone come attore dall’accento inglese:

I commenti sul web sono piccanti: «Capisco le esigenze di copione – scrive Graziella Pinna, studiosa di tradizioni sarde – ma perché non l’hanno girato in Puglia? Per promuovere la Sardegna vedrei meglio la divulgazione della cultura. Queste velinate lasciano il tempo che trovano. Ai provini ci sarà un sacco di gente che tenterà di “continentalizzare” la propria impostazione vocale». Qualcuno la fa meno seria: «Papaleo è venuto in Sardegna a cercare i watussi?» Ma c’è anche chi s’indigna: «Al regista interessa solo il nostro territorio per l’ambientazione. Ma pensa che il suo accento sia meno fastidioso del nostro?». Su twitter Antonio Filigheddu suggerisce: «Ciao Rocco, sono un sardo con accento inglese. Vado bene per il tuo film?». Ora non rimane che aspettare: quanti si presenteranno ai casting? Ma soprattutto quanti saranno gli aspiranti che avranno le caratteristiche richieste? Il 30 e il 31 luglio nel centro polivalente di Cabras, in via Tharros, ci saranno i provini per attori e attrici sardi ma non troppo. E non professionisti. Il 2 e il 3 agosto, sempre al centro polivalente di Cabras, ci saranno i provini per le comparse, dai nove anni di età in su. Possibilmente napoletani.

 

LEGGI ANCHE: