|

Il ragazzo che si fa staccare una mano dall’alligatore

Lui si chiama Kaleb Langdale, ha 17 anni e stava nuotando nel fiume Caloosahatchee, Florida, quando un alligatore lo ha attaccato. “Ha sentito i suoi amici che lo avvertivano, ma ha pensato che fosse uno scherzo” dice il Daily Telegraph che ne racconta la storia.

 

LEGGI ANCHE: La tartaruga alligatore ritrovata nel milanese

 

IL CORAGGIO – “Ho provato a tenerlo a bada ma lui ha fatto il giro della morte e mi ha spinto via. Perciò l’ho preso a calci, nel tentativo di prendere velocità e arrivare verso la riva: stavo nuotando, muovevo le braccia avanti e indietro e lui ha preso questa”, dice. I guardiaparco che hanno ucciso l’alligatore hanno poi, macabramente, “recuperato il braccio”, ma i medici non sono stati in grado di riattaccarlo. Langdale è un esperto di alligatori, racconta un amico: “Esperto abbastanza da sapere che se gli si offre il braccio, non prenderà il busto. Lui è coraggioso, e ha rischiato”.

AGGRESSIVI – Pare che gli alligatori siano particolarmente attivi visto che ci si trova nella stagione degli amori, che li rende più aggressivi e dediti all’esplorazione, perché cercano per cibo e per accoppiamenti. Il capitano Jeff Ardelan, della commissione marina della Florida, ha sottolineato che “qualsiasi tipo di movimento nell’acqua è un potenziale cibo, per loro”. La contea di Glade, in cui è avvenuto il fatto, è nota per avere vari alligatori nei suoi corsi d’acqua.

 

LEGGI ANCHE: