|

Come si riconosce una risata finta

Fare buon viso a cattivo gioco è un’abilità che ci aiuta nei momenti complicati ma cosa succede se gli altri si accorgono delle nostre risate finte? Ecco il fenomeno della “social laughter” ovvero “la risata sociale”

LEGGI ANCHE: Una risata seppellirà i nazisti

SOCIAL LAUGHTER – Anche la risata finta perfetta può risultare non credibile, secondo alcuni studiosi occorre distinguere tra risata “buona” e quella falsa. Sophie Scott, studiosa dell’Università di Londra, ha effettuato scansioni cerebrali su alcuni volontari per esaminare la differenza tra una risata vera e una finta.

IL RISULTATO – I volontari sono stati in grado di captare la differenza tra le due e Scott ha aggiunto un dato anomalo ma che diamo per scontato: “Se sappiamo che qualcuno ride forzatamente alle nostre battute lo prendiamo come un complimento e mai come un insulto”. La risonanza magnetica ha rivelato come il cervello recepisce le informazioni all’ascolto: se la risata è finta sarà la corteccia mediale prefrontale ad occuparsene, in quanto è la zona che si occupa di “esaminare i problemi” e quindi cercherà di capire perché la persona lo sta facendo. La risata genuina attiva l’area acustica del lobo temporale dove arrivano tutti i suoni.

LEGGI ANCHE: